AFRICA/LIBERIA - Guarito anche l’ultimo caso di ebola ma non bisogna abbassare la guardia

lunedì, 11 maggio 2015

Monrovia (Agenzia Fides) – Al 9 maggio 2015 erano 42 giorni che in Liberia non venivano registrati casi di ebola e, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato il Paese libero dal virus. Tuttavia l’organizzazione medico umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF), in un comunicato inviato all’Agenzia Fides, avverte che l’epidemia non può ancora dirsi conclusa perché nuovi casi vengono ancora registrati nei Paesi vicini, Guinea e Sierra Leone e ricorda che il controllo lungo le frontiere deve continuare.
“Il governo e la popolazione liberiana hanno lavorato sodo per aiutarci a raggiungere 42 giorni di zero casi ebola, ma è un risultato che potrebbe cancellarsi in un istante. Adesso i bisogni sanitari devono diventare la priorità” ha dichiarato il capo missione di MSF in Liberia. Quasi 200 operatori sanitari liberiani sono morti dopo aver contratto il virus, e l’epidemia ha decimato il già fragile sistema sanitario nazionale. MSF si sta occupando dei bisogni sanitari in Liberia dopo l’ebola, e ha avviato una clinica ospedaliera pediatrica a Monrovia. Sta anche lavorando con il Ministero della Salute del Paese per effettuare una campagna di vaccinazione contro il morbillo, attualmente in corso in tre distretti della capitale.
La Liberia è uno dei Paesi che sono stati più duramente colpiti dall’epidemia. I casi registrati sono stati 10.564 e 4.716 i morti. Il picco si è verificato tra agosto e ottobre 2014, quando MSF ha aperto quello che è diventato il più grande centro di trattamento per l’ebola del mondo, ELWA 3, a Monrovia, con 400 posti letto. Nel Paese l’ong ha curato 1.663 casi confermati e 910 sono guariti. Inoltre, 9.470 persone sono state ammesse nei suoi centri di trattamento ebola e sono stati curati 5.170 pazienti contagiati, di cui 2.553 sopravvissuti e 2.956 morti. In tutta l’Africa occidentale hanno inoltre perso la vita a causa del virus 14 operatori MSF. (AP) (11/5/2015 Agenzia Fides)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network