Fides News Italianohttp://fides.org/Le notizie dell'Agenzia Fidesen-usAFRICA/BURUNDI - Minacciata di morte Maggy Barankitse, la “mamma nazionale” del Burundihttp://fides.org/it/news/57707-AFRICA_BURUNDI_Minacciata_di_morte_Maggy_Barankitse_la_mamma_nazionale_del_Burundihttp://fides.org/it/news/57707-AFRICA_BURUNDI_Minacciata_di_morte_Maggy_Barankitse_la_mamma_nazionale_del_BurundiBujumbura - Marguerite Barankitse, la “mamma nazionale” del Burundi, è minacciata di morte ed è costretta a nascondersi, secondo quanto denuncia Info Catho del Belgio.<br />Dopo l’uccisione di Zedi Ferzi, presidente di uno dei partiti dell’opposizione, si moltiplicano le minacce di morte nei confronti di esponenti dell’opposizione e della società civile, mentre continuano le proteste popolari contro la decisione del Presidente Pierre Nkurunziza di presentarsi alle elezioni per un terzo mandato.<br />Tra le persone che hanno ricevuto minacce di morte c’è Maggy Barankitse, una cattolica impegnata, che dal 1993 all’inizio della guerra civile, conclusasi nel 2006, non si è tirata indietro cercando di salvare bambini e ragazzi dalla violenza. È lei ad avere creato la “Maison Shalom” un’ong che gestisce nel Paese una serie di centri di accoglienza per bambini e ragazzi.<br />Secondo le notizie raccolte dal sito cattolico belga, nelle ultime settimane Maggy Barankitse ha visitato gli ospedali per portare viveri ai feriti degli scontri e le prigioni, dove ha denunciato le condizioni di detenzione. “Questo è stato sufficiente per metterla in testa nella lista nera delle persone ricercate e di essere catalogata come coinvolta nel fallito golpe militare ” ha dichiarato uno dei suoi amici. <br />Sono giunte intimidazioni ad amici, familiari e agli operatori di Maison Shalom e dell’ospedale da lei fondato. I suoi familiari sono dovuti fuggire e Maggy Barankitse è costretta a nascondersi in un luogo sicuro. Per i suoi sforzi umanitari, Maggy Barankitse ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali. Mon, 25 May 2015 12:23:08 +0200ASIA/TERRA SANTA - La Society of St. Yves organizza una giornata di studio sulla confisca delle terre in Cisgiordaniahttp://fides.org/it/news/57706-ASIA_TERRA_SANTA_La_Society_of_St_Yves_organizza_una_giornata_di_studio_sulla_confisca_delle_terre_in_Cisgiordaniahttp://fides.org/it/news/57706-ASIA_TERRA_SANTA_La_Society_of_St_Yves_organizza_una_giornata_di_studio_sulla_confisca_delle_terre_in_CisgiordaniaGerusalemme – La Society of St. Yves, organismo impegnato nella difesa dei diritti umani collegato con il Patriarcato latino di Gerusalemme, torna a puntare i riflettori sulla delicata questione delle confische di terre appartenenti a palestinesi realizzate dal governo d'Israele in Cisgiordania. I responsabili dell'organizzazione – riferiscono i media ufficiali del Patriarcato latino – hanno deciso di dedicare a tale questione un'escursione guidata prevista mercoledì 27 maggio per celebrare il santo patrono Sant'Ivo . In quell'occasione, alcuni consulenti della Society of St. Yves, esperti in diritto internazionale, terranno delle conferenze itineranti per illustrare la prassi e le giustificazioni giuridiche e politiche seguite dalle autorità israeliane nei recenti casi di confisca di terre palestinesi nella cosiddetta “Area C” della Cisgiordania, in violazione delle leggi internazionali. <br />La giornata si articolerà intorno alla visita sulle terre appartenenti a proprietari palestinesi che hanno usufruito dei servizi di tutela giuridica offerti dalla Società nel villaggio palestinese di Battir e nell'area di Al Makhrour, nei dintorni di Beit Jala. Gli assistiti della Society of St. Yves racconteranno le proprie esperienze sui tentativi di confisca subiti da parte del governo israeliano. La visita includerà anche una tappa nella Valle di Cremisan, dove i membri della Society of St. Yves esporranno gli effetti e le implicazione del pronunciamento recente dell'Alta Corte d'Israele che ha di fatto bloccato la costruzione del tratto del Muro di separazione progettato in quella zona. .Mon, 25 May 2015 12:19:15 +0200ASIA/SIRIA - Il Patriarca siro cattolico Ignace Youssif III: preghiere e digiuni per invocare la liberazione di padre Murad e del diacono Hannahttp://fides.org/it/news/57705-ASIA_SIRIA_Il_Patriarca_siro_cattolico_Ignace_Youssif_III_preghiere_e_digiuni_per_invocare_la_liberazione_di_padre_Murad_e_del_diacono_Hannahttp://fides.org/it/news/57705-ASIA_SIRIA_Il_Patriarca_siro_cattolico_Ignace_Youssif_III_preghiere_e_digiuni_per_invocare_la_liberazione_di_padre_Murad_e_del_diacono_HannaHoms – Nella giornata di ieri, domenica 24 maggio, in tutte le chiese siro-cattoliche del mondo i fedeli hanno pregato per chiedere al Signore la liberazione di padre Jacques Murad, il sacerdote siriano sequestrato da sconosciuti venerdì 22 insieme al diacono Boutros Hanna, presso il monastero di Mar Elian, di cui è Priore. Dei due rapiti non si hanno notizie dal momento del loro sequestro. Già venerdì scorso, il Patriarca siro cattolico Ignace Youssif III aveva invitato tutti i fedeli siro-cattolici del mondo a esprimere con la preghiera e con altri atti di devozione e penitenza la propria comunione spirituale con i due sequestrati. “Offriamo preghiere, messe, suppliche e digiuni” si legge nel messaggio inviato dal Patriarca a tutte le comunità siro-cattoliche sparse per il mondo “nella speranza che padre Jacques sia liberato e torni presto alla sua parrocchia”. Nel testo, pervenuto all'Agenzia Fides, il Patriarca invita tutti i fedeli “a essere fermi nella fede, nella speranza e nella fiducia nel Signore e nelle sue promesse che non deludono, supplicando la Madre di Dio e tutti i santi martiri e confessori per la liberazione di padre Jacques. Nella festa di Pentecoste chiediamo che lo Spirito Santo ci illumini, ci consoli e ci custodisca”. .Mon, 25 May 2015 12:15:42 +0200ASIA/PAKISTAN - Accusa di blasfemia: violenza in un quartiere cristiano di Lahore, ma “nessun allarmismo”http://fides.org/it/news/57704-ASIA_PAKISTAN_Accusa_di_blasfemia_violenza_in_un_quartiere_cristiano_di_Lahore_ma_nessun_allarmismohttp://fides.org/it/news/57704-ASIA_PAKISTAN_Accusa_di_blasfemia_violenza_in_un_quartiere_cristiano_di_Lahore_ma_nessun_allarmismoLahore – Il quartiere cristiano di Sanda, nella zona più antica di Lahore, è stato teatro di nuova violenza, ieri pomeriggio, 24 maggio, in seguito a un caso di blasfemia. “La polizia è intervenuta tempestivamente, fermando sul nascere ed evitando la violenza di massa. Oggi i rangers presidiano la zona e la situazione è del tutto sotto controllo” riferisce all’Agenzia Fides Cecil Shane Chaudhry, Direttore Esecutivo della Commissione “Giustizia e Pace” dei Vescovi pakistani , minimizzando l’accaduto, dopo rapporti allarmistici ed esagerati diffusi da alcuni mass media. “Non ci sono stati né morti, né feriti. Nessuna chiesa è stata bruciata. Alcuni manifestanti hanno gettato sassi e tentato di penetrare e saccheggiare la chiesa cattolica di san Giuseppe, ma non ci sono riusciti per il pronto intervento delle forze dell’ordine che hanno fermato e anche incriminato alcuni aggressori. Alcune case private di fedeli cristiani del distretto hanno subito danni, ma non rilevanti” spiega il Direttore, chiedendo di non cedere agli allarmismi. “Vi sono persone e gruppi che tendono ad ampliare gli incidenti e le violenze sui cristiani, per propri interessi personali o anche per motivi economici. Bisogna stare molto attenti a diffondere notizie, che spesso vengono all’origine manipolate” nota Chaudhry.<br />L’episodio è stato scatenato da un presunto caso di blasfemia. Ieri la polizia, ricevuta una segnalazione, aveva arrestato un uomo per la presunta dissacrazione di alcune pagine del Corano. A carico del cristiano Humayun Faisal Masih è stato quindi registrato un caso di blasfemia secondo l’art 295-b del Codice penale . L’uomo, mentalmente disabile, è accusato da alcuni musulmani di aver bruciato pagine del libro sacro all’islam. Alcuni passanti lo hanno denunciato. Dopo l’arresto, un gruppo di persone ha iniziato a raccogliersi presso la stazione di polizia, compiendo atti violenti, ma gli agenti hanno disperso la folla. I manifestanti hanno allora cercato di rivolgere la loro rabbia verso il quartiere cristiano, ma la polizia ha controllato la situazione. <br />P. James Channan, Domenicano, direttore del “Peace Center” di Lahore, nota a Fides: “E’ un clichet che si ripete: accuse di blasfemia, tutte da verificare, a cui seguono violenze di massa. E’ già accaduto in passato. I cristiani sono terrorizzati perché all’improvviso possono essere attaccati. Secondo la legge sulla blasfemia, esiste una procedura da rispettare e a nessuno dev’essere consentito di farsi giustizia da sé. Le istituzioni e la polizia devono garantire sicurezza e giustizia. D’altro canto noi possiamo operare per contenere e contrastare la cultura dell’odio che gruppi estremisti diffondono nella società, operando per il dialogo e l’armonia”. Mon, 25 May 2015 12:04:46 +0200AMERICA/ARGENTINA - E’ povero un quarto dei bambini con meno di 4 annihttp://fides.org/it/news/57703-AMERICA_ARGENTINA_E_povero_un_quarto_dei_bambini_con_meno_di_4_annihttp://fides.org/it/news/57703-AMERICA_ARGENTINA_E_povero_un_quarto_dei_bambini_con_meno_di_4_anniBuenos Aires – In Argentina il 26,2% dei bambini compresi nella fascia di età che va da 0 a 4 anni è povero, rispetto al 10,8% della popolazione totale. E’ quanto emerge dai dati diffusi dal Centro di Attuazione delle Politiche Pubbliche per l’Uguaglianza e la Crescita : si tratta di un bambino povero su quattro. Quelli che vivono nei settori più emarginati non ricevono alcun sussidio e c’è grande disuguaglianza anche per l’accesso ai servizi di assistenza e all’istruzione. Secondo il CIPPEC, oggi il 74,5% dei bambini usufruisce di qualche aiuto, ma oltre il 25% dei minori della fascia più povera e il 20% di quelli poveri in seconda battuta non ricevono alcun tipo di aiuto. Oltre al settore educativo e sociale, c’è grande divario anche in quello sanitario. Nonostante un calo del tasso di mortalità infantile del 58% tra il 1990 e il 2013, il 61,8% dei casi di decesso sono stati registrati per cause evitabili. Mon, 25 May 2015 11:55:04 +0200AFRICA/MALI - Malgrado le ultime violenze, si spera nei colloqui di Algeri per ritrovare finalmente la pacehttp://fides.org/it/news/57702-AFRICA_MALI_Malgrado_le_ultime_violenze_si_spera_nei_colloqui_di_Algeri_per_ritrovare_finalmente_la_pacehttp://fides.org/it/news/57702-AFRICA_MALI_Malgrado_le_ultime_violenze_si_spera_nei_colloqui_di_Algeri_per_ritrovare_finalmente_la_paceBamako - “La popolazione del Mali aveva riposto grande speranza nell’accordo di pace firmato il 15 maggio, ma purtroppo le violenze continuano nelle regioni del nord” dice all’Agenzia Fides don Edmond Dembele, Segretario della Conferenza Episcopale del Mali.<br />“Da circa tre settimane nel nord del nostro Paese ci sono scontri quasi quotidiani tra l’esercito maliano, alcune milizie filo-governative e il Coordinamento dei Movimenti dell’Azawad. Questa situazione preoccupa molto le popolazioni locali, che non sanno quando potranno ritrovare la pace” riferisce don Dembele.<br />Uno dei problemi da risolvere per ritrovare la pace è la spaccatura che si è originata all’interno dei gruppi Toureg. “In effetti - spiega il sacerdote - due gruppi del Coordinamento si sono presentati il 15 maggio a Bamako per firmare gli accordi di pace. Ma i gruppi principali del Coordinamento, come l’MNLA , si sono finora rifiutati di aderire all’accordo del 15 maggio e hanno chiesto di proseguire il negoziato per ottenere maggiori concessioni”.<br />Proprio oggi, 25 maggio, ad Algeri, si dovrebbero tenere nuovi colloqui per trovare delle soluzioni che permettano di regolare alcuni dettagli dell’applicazione dell’accordo del 15 maggio, che non sarà però oggetto di negoziato in quanto tale, perché il governo del Mali ha affermato che non intende modificarlo. “Malgrado la recrudescenze delle violenze delle ultime settimane, ci sono buone speranze che in Algeria si possano trovare delle intese per ritrovare la pace. D’altronde non abbiamo alternative” conclude don Dembele. Mon, 25 May 2015 11:40:02 +0200AMERICA/EL SALVADOR - Beatificato l’Arcivescovo Romero: “simbolo di pace, di concordia, di fratellanza”http://fides.org/it/news/57701-AMERICA_EL_SALVADOR_Beatificato_l_Arcivescovo_Romero_simbolo_di_pace_di_concordia_di_fratellanzahttp://fides.org/it/news/57701-AMERICA_EL_SALVADOR_Beatificato_l_Arcivescovo_Romero_simbolo_di_pace_di_concordia_di_fratellanzaSan Salvador - Se i persecutori di Mons. Romero “sono spariti nell’ombra dell’oblio e della morte, la memoria di Romero invece continua a essere viva e a dare conforto a tutti i derelitti e gli emarginati della terra”: lo ha sottolineato il Card. Angelo Amato, Prefetto della Congregazione per le cause dei Santi, che sabato 23 maggio ha presieduto a San Salvador la solenne celebrazione per la beatificazione dell’Arcivescovo Oscar Arnulfo Romero Galdámez, ucciso “in odium fidei” il 24 marzo 1980 . <br />Nella sua omelia il Card. Amato ha sottolineato che l’opzione per i poveri di Romero “non era ideologica ma evangelica. La sua carità si estendeva anche ai persecutori ai quali predicava la conversione al bene e ai quali assicurava il perdono, nonostante tutto”. Mons. Romero non si fece scoraggiare dalle minacce di morte né dalle critiche quotidiane che riceveva, anzi, andava avanti senza rancori per nessuno, per questo, ha sottolineato il Cardinale, non è un “simbolo di divisione, ma di pace, di concordia, di fratellanza. Ringraziamo il Signore per questo suo servo fedele, che alla Chiesa ha donato la sua santità e all’umanità la sua bontà e la sua mitezza”.<br />La Conferenza Episcopale di El Salvador, nel messaggio pubblicato per la Beatificazione di Mons. Romero intitolato “Entra nella gioia del tuo Signore” , ricorda che “la morte di Mons. Romero commosse il mondo”, e in questi trentacinque anni da allora “il cammino non è stato facile… la difficoltà maggiore è stata la manipolazione della figura e delle parole del prossimo beato”. Per questo nel loro messaggio i Vescovi sottolineano, citando ampiamente le sue stesse parole, che Romero “fu uomo di Dio”, uomo di profonda comunione, totalmente abbandonato alla volontà di Dio. Fu anche “uomo della Chiesa”, secondo il suo motto episcopale “Sentire cum Ecclesia”, a cui dedicò le quattro lettere pastorali scritte durante il suo ministero di Arcivescovo. In una di queste “spiegò ampiamente che la Chiesa esiste per annunciare e rendere presente il mistero di Cristo” ed illustrò come la Chiesa che desiderava costruire in El Salvador fosse “in totale sintonia con la dottrina del Concilio Vaticano II come è stata intepretata dai documenti di Medellin”.<br />L’aspetto più conosciuto di Mons. Romero fu “il suo amore per i poveri e la sua completa dedizione per la promozione e la difesa della loro dignità come persone e come figli di Dio”, facendo propria l’opzione dei Vescovi Latinoamericani espressa a Puebla, nel 1977. L’ultimo aspetto su cui si soffermano i Vescovi riguarda “Mons.Romero testimone della fede fino allo spargimento del suo sangue”. “Mons. Romero fu assassinato perchè amava i poveri, sull’esempio del suo Maestro, Gesù di Nazareth – scrivono -. A loro prestò la sua voce di profeta, e a loro dedicò la sua vita, rinunciando alla comoda soluzione di abbandonare il gregge e fuggire come fanno i mercenari”. <br />“Questo è l’uomo di Dio che a partire dal 23 maggio veneriamo come beato – concludono i Vescovi -. La sua testimonianza ci stimoli a vivere coerentemente gli impegni battesimali. La sua parola illumini il nostro cammino di vita cristiana. La sua intercessione apra vie di riconciliazione tra noi e ci aiuti a vincere tutte le forme di violenza perché si stabilisca tra noi il Regno della vita, della giustizia, della verità, dell’amore e della pace”. <br/><strong>Link correlati</strong> :<a href="http://arzobispadosansalvador.org/index.php/noticias-y-eventos/noticias-y-eventos/noticias-y-eventos-18">Il testo integrale del Messaggio della Conferenza Episcopale (in spagnolo)</a>Mon, 25 May 2015 10:49:45 +0200AFRICA/MAROCCO - Il matrimonio precoce aggravato da povertà e ignoranzahttp://fides.org/it/news/57700-AFRICA_MAROCCO_Il_matrimonio_precoce_aggravato_da_poverta_e_ignoranzahttp://fides.org/it/news/57700-AFRICA_MAROCCO_Il_matrimonio_precoce_aggravato_da_poverta_e_ignoranzaCasablanca - Il matrimonio precoce coinvolge 15 milioni di bambine ogni anno in tutto il mondo. E’ un fenomeno crescente aggravato da povertà, ignoranza e paura. E’ la denuncia pervenuta all’Agenzia Fides dai partecipanti ad un recente forum tenutosi in Marocco. Secondo la ong Girls not brides, che raccoglie 450 organizzazioni di 70 Paesi e che ha organizzato questo forum di tre giorni a Casablanca, circa il 10% delle donne di tutto il mondo sono sposate prima di aver compiuto 18 anni. Se non si prendono subito provvedimenti, da qui al 2050 circa 1.200 milioni di bambine saranno costrette a sposarsi. Nei Paesi in via di sviluppo una bambina su tre si sposa prima dei 18 anni di età e una su nove prima dei 15. Tra i più colpiti da questo fenomeno Bangladesh, India e Niger, dove ogni anno si sposano 244 mila bambine non ancora diciottenni. Sono bambine che non vanno a scuola, secondo quanto dichiarato da un membro della Coalizione delle Organizzazioni Nigerine dei Diritti del Bambino , e la povertà e l’ignoranza contribuiscono a far crescere i matrimoni precoci. In India si registrano il 40% dei matrimoni infantili di tutto il mondo. <br />Alla fine del 2014, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato per la prima volta una risoluzione che sollecitava i Governi a vietare i matrimoni minorili. L’Unione Africana, da parte sua, ha lanciato una campagna di due anni per porre fine al matrimonio precoce, mentre vari governi dell’Asia meridionale hanno adottato un piano di azione regionale. Tuttavia il fenomeno non riguarda solo i Paesi in via di sviluppo, è una tradizione anche tra le comunità di emigranti. In occasione di una campagna di sensibilizzazione, la Fondazione Ytto ha denunciato che la pratica è attuata anche nelle comunità marocchine di Spagna e Francia. In Marocco, il matrimonio dei minori continua a creare preoccupazione e, nonostante il codice sulla famiglia adottato nel 2004 lo proibisca, il giudice ha l’autorità di registrarli. Nel 2013, ne sono stati registrati oltre 35 mila, di fronte ai 18 mila degli ultimi dieci anni. Mon, 25 May 2015 10:46:16 +0200ASIA/MYANMAR - Il Card. Bo al governo birmano: “Compassione e misericordia con i boat people”http://fides.org/it/news/57699-ASIA_MYANMAR_Il_Card_Bo_al_governo_birmano_Compassione_e_misericordia_con_i_boat_peoplehttp://fides.org/it/news/57699-ASIA_MYANMAR_Il_Card_Bo_al_governo_birmano_Compassione_e_misericordia_con_i_boat_peopleYangon – “Un'agonia immensa si svolge sui mari del Sudest asiatico: una nuova ondata di boat people, fuggiti a causa di povertà e conflitti da Myanmar e Bangladesh, è alla deriva nei mari. Sfruttati da trafficanti senza scrupoli, uomini, donne e bambini sono ammassati in squallidi barconi e spesso muoiono in mare. Una nuova ferita si apre. Lasciamo che misericordia e compassione scorrano come un fiume nella terra di Bhudda”: è l’appello lanciato dal Cardinale Charles Maung Bo, Arcivescovo di Yangon, mentre è ancora in corso l’emergenza dei rifugiati Rohingya, che cercano asilo in nazioni come Thailandia, Malaysia, Indonesia. <br />In un messaggio inviato a Fides, il Cardinale ricorda i boat people del Vietnam e anche gli sbarchi nel Mediterraneo, e afferma: “I profughi fuggono per cercare dignità e sicurezza. Con un grande gesto di umanità, Malesia, Filippine e Indonesia hanno aperto le loro porte. Il governo del Myanmar ha salvato due barche alla deriva. Questo gesto, proveniente da una nazione devota al Signore della Compassione, Buddha, è altamente lodevole” afferma. Ma, aggiunge, in tempi recenti nel paese si sono diffusi “l’odio e la negazione del diritto”, riferendosi alla violenza perpetrata da frange buddiste nei confronti dei musulmani Rohingya e all’ostilità mostrata dal governo birmano.<br />Mons. Bo rimarca: “ Sollecitiamo fortemente il governo a non consentire che discorsi di odio sovvertano la gloriosa tradizione birmana di compassione. I cittadini del Myanmar hanno l'obbligo morale di proteggere e promuovere la dignità di tutte le persone umane. Una comunità non può essere demonizzata e non le si possono negare i suoi diritti di base come l’identità, la cittadinanza e il diritto di essere comunità”.<br />Citando grandi monaci buddisti che sono “faro di compassione per il mondo”, l’Arcivescovo ricorda che “questa religione presenta la compassione come la virtù più nobile” rivolta a tutti gli esseri viventi, animati e inanimati. Compassione e misericordia sono due occhi di questa nazione, che permettono una visione di pace e dignità. Lasciate che misericordia e compassione scorrano come un fiume nella nostra terra” conclude il Card. Bo. Mon, 25 May 2015 10:04:56 +0200VATICANO - Il Messaggio del Papa per la Giornata Missionaria 2015http://fides.org/it/news/57698-VATICANO_Il_Messaggio_del_Papa_per_la_Giornata_Missionaria_2015http://fides.org/it/news/57698-VATICANO_Il_Messaggio_del_Papa_per_la_Giornata_Missionaria_2015Città del Vaticano – Pubblichiamo il testo integrale del Messaggio del Santo Padre Francesco per la Giornata Missionaria 2015, che si celebrerà quest’anno domenica 18 ottobre.<br /><br />Cari fratelli e sorelle,<br />la Giornata Missionaria Mondiale 2015 avviene sullo sfondo dell’Anno della Vita Consacrata e ne riceve uno stimolo per la preghiera e la riflessione. Infatti, se ogni battezzato è chiamato a rendere testimonianza al Signore Gesù annunciando la fede ricevuta in dono, questo vale in modo particolare per la persona consacrata, perché tra la vita consacrata e la missione sussiste un forte legame. La sequela di Gesù, che ha determinato il sorgere della vita consacrata nella Chiesa, risponde alla chiamata a prendere la croce e andare dietro a Lui, ad imitare la sua dedicazione al Padre e i suoi gesti di servizio e di amore, a perdere la vita per ritrovarla. E poiché tutta l’esistenza di Cristo ha carattere missionario, gli uomini e le donne che lo seguono più da vicino assumono pienamente questo medesimo carattere.<br />La dimensione missionaria, appartenendo alla natura stessa della Chiesa, è intrinseca anche ad ogni forma di vita consacrata, e non può essere trascurata senza lasciare un vuoto che sfigura il carisma. La missione non è proselitismo o mera strategia; la missione fa parte della “grammatica” della fede, è qualcosa di imprescindibile per chi si pone in ascolto della voce dello Spirito che sussurra “vieni” e “vai”. Chi segue Cristo non può che diventare missionario, e sa che Gesù «cammina con lui, parla con lui, respira con lui. Sente Gesù vivo insieme con lui nel mezzo dell’impegno missionario» .<br />La missione è passione per Gesù Cristo e nello stesso tempo è passione per la gente. Quando sostiamo in preghiera davanti a Gesù crocifisso, riconosciamo la grandezza del suo amore che ci dà dignità e ci sostiene; e nello stesso momento percepiamo che quell’amore che parte dal suo cuore trafitto si estende a tutto il popolo di Dio e all’umanità intera; e proprio così sentiamo anche che Lui vuole servirsi di noi per arrivare sempre più vicino al suo popolo amato e a tutti coloro che lo cercano con cuore sincero. Nel comando di Gesù: “andate” sono presenti gli scenari e le sfide sempre nuovi della missione evangelizzatrice della Chiesa. In essa tutti sono chiamati ad annunciare il Vangelo con la testimonianza della vita; e in modo speciale ai consacrati è chiesto di ascoltare la voce dello Spirito che li chiama ad andare verso le grandi periferie della missione, tra le genti a cui non è ancora arrivato il Vangelo.<br />Il cinquantesimo anniversario del Decreto conciliare Ad gentes ci invita a rileggere e meditare questo documento che suscitò un forte slancio missionario negli Istituti di vita consacrata. Nelle comunità contemplative riprese luce ed eloquenza la figura di santa Teresa di Gesù Bambino, patrona delle missioni, quale ispiratrice dell’intimo legame della vita contemplativa con la missione. Per molte congregazioni religiose di vita attiva l’anelito missionario scaturito dal Concilio Vaticano II si attuò con una straordinaria apertura alla missione ad gentes, spesso accompagnata dall’accoglienza di fratelli e sorelle provenienti dalle terre e dalle culture incontrate nell’evangelizzazione, tanto che oggi si può parlare di una diffusa interculturalità nella vita consacrata. Proprio per questo è urgente riproporre l’ideale della missione nel suo centro: Gesù Cristo, e nella sua esigenza: il dono totale di sé all’annuncio del Vangelo. Non vi possono essere compromessi su questo: chi, con la grazia di Dio, accoglie la missione, è chiamato a vivere di missione. Per queste persone, l’annuncio di Cristo, nelle molteplici periferie del mondo, diventa il modo di vivere la sequela di Lui e ricompensa di tante fatiche e privazioni. Ogni tendenza a deflettere da questa vocazione, anche se accompagnata da nobili motivazioni legate alle tante necessità pastorali, ecclesiali o umanitarie, non si accorda con la personale chiamata del Signore a servizio del Vangelo. Negli Istituti missionari i formatori sono chiamati sia ad indicare con chiarezza ed onestà questa prospettiva di vita e di azione, sia ad essere autorevoli nel discernimento di autentiche vocazioni missionarie. Mi rivolgo soprattutto ai giovani, che sono ancora capaci di testimonianze coraggiose e di imprese generose e a volte controcorrente: non lasciatevi rubare il sogno di una missione vera, di una sequela di Gesù che implichi il dono totale di sé. Nel segreto della vostra coscienza, domandatevi quale sia la ragione per cui avete scelto la vita religiosa missionaria e misurate la disponibilità ad accettarla per quello che è: un dono d’amore al servizio dell’annuncio del Vangelo, ricordando che, prima di essere un bisogno per coloro che non lo conoscono, l’annuncio del Vangelo è una necessità per chi ama il Maestro.<br />Oggi, la missione è posta di fronte alla sfida di rispettare il bisogno di tutti i popoli di ripartire dalle proprie radici e di salvaguardare i valori delle rispettive culture. Si tratta di conoscere e rispettare altre tradizioni e sistemi filosofici e riconoscere ad ogni popolo e cultura il diritto di farsi aiutare dalla propria tradizione nell’intelligenza del mistero di Dio e nell’accoglienza del Vangelo di Gesù, che è luce per le culture e forza trasformante delle medesime. <br />All’interno di questa complessa dinamica, ci poniamo l’interrogativo: “Chi sono i destinatari privilegiati dell’annuncio evangelico?”. La risposta è chiara e la troviamo nel Vangelo stesso: i poveri, i piccoli e gli infermi, coloro che sono spesso disprezzati e dimenticati, coloro che non hanno da ricambiarti . L’evangelizzazione rivolta preferenzialmente ad essi è segno del Regno che Gesù è venuto a portare: «Esiste un vincolo inseparabile tra la nostra fede e i poveri. Non lasciamoli mai soli» . Ciò dev’essere chiaro specialmente alle persone che abbracciano la vita consacrata missionaria: con il voto di povertà si sceglie di seguire Cristo in questa sua preferenza, non ideologicamente, ma come Lui identificandosi con i poveri, vivendo come loro nella precarietà dell’esistenza quotidiana e nella rinuncia all’esercizio di ogni potere per diventare fratelli e sorelle degli ultimi, portando loro la testimonianza della gioia del Vangelo e l’espressione della carità di Dio.<br />Per vivere la testimonianza cristiana e i segni dell’amore del Padre tra i piccoli e i poveri, i consacrati sono chiamati a promuovere nel servizio della missione la presenza dei fedeli laici. Già il Concilio Ecumenico Vaticano II affermava: «I laici cooperino all’opera evangelizzatrice della Chiesa, partecipando come testimoni e come vivi strumenti della sua missione salvifica» . È necessario che i consacrati missionari si aprano sempre più coraggiosamente nei confronti di quanti sono disposti a collaborare con loro, anche per un tempo limitato, per un’esperienza sul campo. Sono fratelli e sorelle che desiderano condividere la vocazione missionaria insita nel Battesimo. Le case e le strutture delle missioni sono luoghi naturali per la loro accoglienza e il loro sostegno umano, spirituale ed apostolico.<br />Le Istituzioni e le Opere missionarie della Chiesa sono totalmente poste al servizio di coloro che non conoscono il Vangelo di Gesù. Per realizzare efficacemente questo scopo, esse hanno bisogno dei carismi e dell’impegno missionario dei consacrati, ma anche i consacrati hanno bisogno di una struttura di servizio, espressione della sollecitudine del Vescovo di Roma per garantire la koinonia, così che la collaborazione e la sinergia siano parte integrante della testimonianza missionaria. Gesù ha posto l’unità dei discepoli come condizione perché il mondo creda . Tale convergenza non equivale ad una sottomissione giuridico-organizzativa a organismi istituzionali, o ad una mortificazione della fantasia dello Spirito che suscita la diversità, ma significa dare più efficacia al messaggio evangelico e promuovere quell’unità di intenti che pure è frutto dello Spirito.<br />L’Opera Missionaria del Successore di Pietro ha un orizzonte apostolico universale. Per questo ha bisogno anche dei tanti carismi della vita consacrata, per rivolgersi al vasto orizzonte dell’evangelizzazione ed essere in grado di assicurare un’adeguata presenza sulle frontiere e nei territori raggiunti.<br />Cari fratelli e sorelle, la passione del missionario è il Vangelo. San Paolo poteva affermare: «Guai a me se non annuncio il Vangelo!» . Il Vangelo è sorgente di gioia, di liberazione e di salvezza per ogni uomo. La Chiesa è consapevole di questo dono, pertanto non si stanca di annunciare incessantemente a tutti «quello che era da principio, quello che noi abbiamo udito, quello che abbiamo veduto con i nostri occhi» . La missione dei servitori della Parola – vescovi, sacerdoti, religiosi e laici – è quella di mettere tutti, nessuno escluso, in rapporto personale con Cristo. Nell’immenso campo dell’azione missionaria della Chiesa, ogni battezzato è chiamato a vivere al meglio il suo impegno, secondo la sua personale situazione. Una risposta generosa a questa universale vocazione la possono offrire i consacrati e le consacrate, mediante un’intensa vita di preghiera e di unione con il Signore e col suo sacrificio redentore.<br />Mentre affido a Maria, Madre della Chiesa e modello di missionarietà, tutti coloro che, ad gentes o nel proprio territorio, in ogni stato di vita cooperano all’annuncio del Vangelo, di cuore invio a ciascuno la Benedizione Apostolica.<br />Dal Vaticano, 24 maggio 2015<br />Solennità di Pentecoste<br />FRANCESCO<br />Mon, 25 May 2015 07:41:35 +0200ASIA/INDONESIA - Un francescano: “La ricchezza della storia della Chiesa in Indonesia è luce per il presente”http://fides.org/it/news/57697-ASIA_INDONESIA_Un_francescano_La_ricchezza_della_storia_della_Chiesa_in_Indonesia_e_luce_per_il_presentehttp://fides.org/it/news/57697-ASIA_INDONESIA_Un_francescano_La_ricchezza_della_storia_della_Chiesa_in_Indonesia_e_luce_per_il_presenteGiacarta – Conoscere e apprezzare la storia del cattolicesimo in Indonesia contribuisce a far luce sul presente: è quanto afferma il francescano indonesiano p. Eddy Kristiyanto OFM, che ha di recente pubblicato un nuovo libro sulla storia della Chiesa in Indonesia. <br />In un messaggio giunto a Fides, il francescano nota: “Non molte persone, religiosi e laici, la conoscono e ne apprezzano la ricchezza. La memoria della nostra storia è essenziale per comprendere l’oggi. La Chiesa cattolica in Indonesia, sia quella istituzionale, sia i semplici fedeli, hanno avuto e ricoprono tutt’oggi una notevole influenza e, d’altra parte, la fede cristiana è stata influenzata dalla cultura locale, nei rapporto con lo stato, così come nella sua vocazione e missione”.<br />Il francescano, nativo di Yogyacarta, ha compiuto 15 anni di studio sulla storia del cattolicesimo in Indonesia, curando con accuratezza la ricerca delle fonti. Il sacerdote, sostenuto nel suo progetto dalla Conferenza episcopale dell'Indonesia, ribadisce l’importanza della storia: “Preti e laici, presi da questioni concrete e dal lavoro pastorale, avrebbero benefici se rivolgessero maggiore attenzione alla storia”. <br />La Chiesa indonesiana oggi costituisce circa il 2,7% della popolazione: nell’immenso arcipelago di 17 mila isole, oggi comprende quasi cinque milioni di cattolici, divisi in 34 diocesi.<br />La prima presenza cattolica in Indonesia è segnalata a Pancur, nel nord-ovest di Sumatra, nel VII secolo. Nel IX secolo la presenza cattolica è a Giava. Nel 1323 si registra la predicazione di Oderico da Pordenone a Giava, nel Borneo e a Sumatra. Nel 1534 i portoghesi portano il Vangelo nelle Molucche, che san Francesco Saverio visiterà nel 1546. <br />Nel 1562 i Domenicani portano il Vangelo sulle isole di Timor e di Flores ma dal 1596, con l’arrivo degli olandesi calvinisti, che prendono possesso dell’arcipelago, la religione cattolica viene proibita fino al 1807, anno che segna il ritorno dei missionari e la creazione della prima Prefettura Apostolica a Batavia .<br />Nel 1863 le missioni di Flores vengono affidate ai Gesuiti. Nel 1902 nascono nuove Prefetture Apostoliche. In seguito le regioni orientali vengono affidate al Missionari del Sacro Cuore, il Borneo e Sumatra ai Cappuccini, Nusa Taggara e Flores ai Missionari Verbiti. Nel 1926 c’è la consacrazione del primo sacerdote indigeno e nel 1940 quella del primo Vescovo. <br />Nel 1950 viene eretta la Nunziatura Apostolica a Giacarta, nel 1955 nasce la prima università cattolica a Bandung e nel 1961 c’è l’istituzione della Gerarchia cattolica.<br />Nel 1967 viene creato il primo Cardinale indonesiano. Nel 1970 l’Episcopato indonesiano emana le prime direttive che regolano il comportamento dei cattolici nella società indonesiana. Sat, 23 May 2015 12:32:33 +0200AMERICA/NICARAGUA - La povertà nel Paese costringe i bambini a lasciare la scuola per lavorarehttp://fides.org/it/news/57696-AMERICA_NICARAGUA_La_poverta_nel_Paese_costringe_i_bambini_a_lasciare_la_scuola_per_lavorarehttp://fides.org/it/news/57696-AMERICA_NICARAGUA_La_poverta_nel_Paese_costringe_i_bambini_a_lasciare_la_scuola_per_lavorareBlufields - Blufields è il comune più grande della provincia autonoma della costa atlantica del Nicaragua. E’ anche la regione più povera di un Paese povero, dove l’abbandono scolastico e il lavoro minorile continuano ad aumentare vertiginosamente. Il rapporto tra questi due fenomeni è molto stretto e ha come origine comune la povertà. Il Nicaragua è infatti un Paese di 6,1 milioni di persone, il secondo più povero dell’America dopo Haiti. Secondo l’Unesco nel Paese ci sono oltre 2 milioni di bambini in età scolare. La metà di tutti i bambini e adolescenti sono poveri. L’Unicef ha stimato che 500 mila piccoli nicaraguensi nella fascia di età tra 3 e 17 anni non rientra nel sistema educativo. La maggior parte vive nelle zone rurali, o sono poveri, indigeni o disabili. Lo studio più recente del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha dimostrato che l’applicazione da parte del governo del Nicaragua di alcune leggi sul lavoro non è sufficiente, e le strategie per lottare contro il lavoro minorile e tutelare i bambini non sono totalmente applicate. Le leggi del Paese latinoamericano permettono che i piccoli inizino a lavorare all’età di 14 anni, anche se esclude ambienti pericolosi come le piantagioni di canna da zucchero, miniere o cave. In Nicaragua, i bambini hanno l’obbligo di frequenza delle scuole fino ai 12 anni. Solo il 65% dei piccoli appartenenti alle famiglie più povere hanno ultimato la scuola primaria rispetto al 90% di quelli più ricchi. Nelle regioni povere della costa atlantica, dove si trova Bluefields, solo il 58% ha completato i sei anni di scuola primaria. Nelle famiglie più povere, soltanto il 6% dei bambini ha portato a termine la scuola secondaria. Sat, 23 May 2015 11:59:24 +0200ASIA/INDIA - La Chiesa in Orissa riflette su sfruttamento minerario e migrazionehttp://fides.org/it/news/57695-ASIA_INDIA_La_Chiesa_in_Orissa_riflette_su_sfruttamento_minerario_e_migrazionehttp://fides.org/it/news/57695-ASIA_INDIA_La_Chiesa_in_Orissa_riflette_su_sfruttamento_minerario_e_migrazioneNew Delhi – “E 'estremamente importante per noi conoscere la situazione attuale, al fine di portare la pace, la giustizia e la dignità nella società. Industrie e grandi compagnie minerarie si insediano nelle zone tribali. Questa è la principale causa di maggiore preoccupazione per lo sviluppo delle popolazioni indigene”: è quanto ha detto S. Ecc. Mons Niranjan Sual Singh, Vescovo di Sambalpur, in Orissa, inaugurando un seminario organizzato in Orissa dalla Commissione per la Giustizia, la Pace e lo Sviluppo della Conferenza episcopale dell'India. Come riferito a Fides, il seminario, promosso da p. Charles Irudayam, Segretario della Commissione episcopale, si è tenuto il 19 e 20 maggio incentrato sul tema “Sfruttamento minerario e migrazione”. Vi hanno preso parte circa 60 delegati provenienti da diverse diocesi dell'Orissa. <br />“Una società può avere buone strade, ferrovie, abitazioni, ma i poveri e gli oppressi devono ricevere una maggiore attenzione per il loro sviluppo integrale” ha ricordato il Presule, focalizzando il discorso su due fenomeni: lo sfruttamento minerario e la migrazione. <br />Il primo “ha un impatto rovinoso sulle popolazioni tribali, in quanto porta degrado ambientale e l'inquinamento. Le popolazioni tribali sono completamente dipendenti dalla loro terra per il sostentamento”,ha notato. Il fenomeno interessa l’intera nazione. Dayamani Barla, attivista per i diritti dei dalit e tribali, ha ricordato che “ i popoli indigeni sono i coloni e gli abitanti originari della terra. La loro vita, i comportamenti, il linguaggio e l’etica hanno un collegamento diretto con l'acqua, la terra e la giungla. La cultura adivasi muore dal momento in cui essi sono costretti a lasciare il loro ambiente: i popoli indigeni sono sfollati in nome dello sviluppo”. <br />P. Charles Irudayam, nel suo discorso, ha spiegato ai partecipanti perché la Chiesa è preoccupata per i diritti umani e perché i cattolici si coinvolgono in questioni sociali: “Dio ha dato a ogni essere umano una dignità intrinseca e inalienabile, che comporta diritti fondamentali. La Chiesa ha il compito di proteggere i diritti umani e di educare i suoi membri sulla dignità, libertà e uguaglianza di tutti gli esseri umani. Il rispetto dei diritti umani è il requisito per la pace”.<br />P. John Kerketta, direttore dei servizi sociali della diocesi di Sambalpur, ha concluso affermando che “la Chiesa ha svolto un ruolo significativo in Orissa nel campo dell'istruzione, della sanità e del lavoro sociale”, ribadendo che continuerà ad impegnarsi per la difesa della dignità di ogni uomo. Sat, 23 May 2015 11:35:09 +0200AFRICA/SUD SUDAN - Situazione umanitaria allarmante: aumenta la violenzahttp://fides.org/it/news/57694-AFRICA_SUD_SUDAN_Situazione_umanitaria_allarmante_aumenta_la_violenzahttp://fides.org/it/news/57694-AFRICA_SUD_SUDAN_Situazione_umanitaria_allarmante_aumenta_la_violenzaJuba – L’intensificarsi dei combattimenti in Sud Sudan sta creando una situazione umanitaria allarmante che espone i civili a un’escalation di violenza e limita l’arrivo e l’accesso agli aiuti. L’allarme viene dalla ong medico-umanitaria Medici Senza Frontiere . Il forte aumento di violenza negli stati di Unity, Jonglei e dell’Upper Nile ha portato la sospensione dei servizi medici, la distruzione delle strutture sanitarie e l’evacuazione del personale medico. Nel comunicato inviato all’Agenzia Fides, l’ong riferisce che nello stato di Upper Nile, MSF fornisce assistenza medica salvavita alle persone ferite nei violenti combattimenti a Melut, nonostante non sia più possibile far arrivare per via aerea forniture mediche e personale. L’insicurezza permanente impedisce l’atterraggio degli aerei e ha costretto negli ultimi giorni centinaia di persone a cercare rifugio nei campi della ‘Protezione dei Civili’ gestito dalle Nazioni Unite. La capacità di MSF di fornire assistenza a chi ha disperato bisogno è ora a rischio se non viene garantito un passaggio sicuro da cui far transitare personale e materiale medico. <br />A Malakal, dove hanno avuto luogo la maggior parte dei combattimenti, l’ong sta curando le persone ferite nei recenti combattimenti, anche se la scorsa settimana gli scontri hanno impedito la fornitura di assistenza medica a circa 30 mila persone che vivono nell’area dei campi della PoC. Nello stato di Jonglei, la città di Phom El-Zeraf è stata la linea del fronte negli ultimi mesi. La città è andata completamente distrutta. L’ospedale, una delle principali strutture sanitarie nella parte settentrionale dello stato, è demolito. Nello stato di Unity, MSF è stata costretta ad evacuare il suo ospedale nella città di Leer, il 9 maggio scorso, lasciando circa 200 mila persone nella zona senza assistenza medica. A Bentiu, i combattimenti e l’insicurezza delle ultime settimane hanno costretto le equipe a sospendere diverse cliniche mobili nelle zone circostanti. L’ong continua a gestire un ospedale all’interno dei campi della PoC a Bentiu che ha visto più di 11 mila nuovi arrivi, di cui la maggior parte donne e bambini. Molte persone hanno raccontato a MSF la violenza da cui stavano fuggendo: interi villaggi rasi al suolo, famiglie separate, attentati e omicidi, l’abbandono dei feriti, e la violenza sessuale contro donne e bambini. La stagione delle piogge in arrivo e le condizioni di sovraffollamento aggravato dal recente afflusso di nuove persone in diversi campi sono ulteriori cause di preoccupazione. Sat, 23 May 2015 09:31:36 +0200AFRICA/CONGO RD - Le guerriglie continuano a finanziarsi con le risorse dell’est congolese: nuova denuncia Onu e Onghttp://fides.org/it/news/57693-AFRICA_CONGO_RD_Le_guerriglie_continuano_a_finanziarsi_con_le_risorse_dell_est_congolese_nuova_denuncia_Onu_e_Onghttp://fides.org/it/news/57693-AFRICA_CONGO_RD_Le_guerriglie_continuano_a_finanziarsi_con_le_risorse_dell_est_congolese_nuova_denuncia_Onu_e_OngKinshasa - “È paradossale come l’abbondanza di risorse naturali sia diventata in qualche modo, una disgrazia” ha affermato Ibrahim Thiaw, Vice Direttore esecutivo del PNUE nel presentare il rapporto sul saccheggio delle risorse naturali dell’est della Repubblica Democratica del Congo.<br />Secondo il rapporto “alcuni gruppi criminali internazionali militarizzati sono implicati in un vasto traffico di minerali, oro, legname, carbone e avorio”, con un giro di 1,3 miliardi di dollari all’anno.<br />Il PNUE afferma che questi fondi finanziano - secondo le varie stime - tra 25 e 49 gruppi armati, congolesi e stranieri, “alimentando continui conflitti” in una regione in cui, da vent’anni, le successive ribellioni seminano terrore e caos tra la popolazione locale. Il commercio dell’oro costituisce una delle maggiori entrate illegali, pari a 120 milioni di dollari all’anno.<br />Il controllo delle zone più ricche di minerali è uno degli elementi che alimentano l’instabilità cronica provocata dalle varie milizie attive nell’est della RDC, soprattutto nella Provincia Orientale, nel Nord e Sud Kivu e nel Katanga, province che sfuggono in gran parte al controllo dell’autorità dello Stato. <br />“Questi fondi captati dalle bande criminali avrebbero potuto essere utilizzati per costruire scuole, strade, ospedali e per pagare insegnanti e medici” ha dichiarato Martin Kobler, il capo della missione delle Nazioni Unite nella RDC . Secondo il PNUE, solo il 2% degli utili netti dei traffici vanno ai gruppi armati, sufficienti tuttavia per garantire “il mantenimento di base di circa 8.000 combattenti” e per “permettere a dei gruppi sconfitti o disarmati di riemergere e di destabilizzare la regione”.<br />Il resto del denaro finisce nelle tasche di "reti criminali transnazionali che operano dentro e fuori della RDC", soprattutto nei Paesi limitrofi , permettendo loro di mantenere la strategia del "dividere per regnare" e di fare in modo che nessun gruppo armato possa dominare sugli altri e controllare il traffico.<br />A loro volta, in un rapporto intitolato "Una miniera di trasparenza?", Amnesty International e Global Witness, rivelano che quasi l’80% delle società quotate in borsa negli Stati Uniti non verificano correttamente se i loro prodotti contengono minerali provenienti da zone di conflitto dell’Africa centrale e non forniscono sufficienti informazioni a questo proposito, violando la Sezione 1502 della legge Dodd-Frank che ha come obiettivo quello di ridurre il rischio che gli acquisti di minerali nell’Africa centrale contribuisca ad alimentare conflitti o violazioni dei diritti umani. Sat, 23 May 2015 09:21:57 +0200ASIA/CINA - Affidare la vocazione alla Madonna: ordinazioni diaconali e presbiterali in diverse diocesihttp://fides.org/it/news/57692-ASIA_CINA_Affidare_la_vocazione_alla_Madonna_ordinazioni_diaconali_e_presbiterali_in_diverse_diocesihttp://fides.org/it/news/57692-ASIA_CINA_Affidare_la_vocazione_alla_Madonna_ordinazioni_diaconali_e_presbiterali_in_diverse_diocesiShi Jia Zhuang – Servire e condividere l’unica fede, sentirsi parte di un unico gregge e avere un unico Pastore: è questa l’esortazione ricorrente della comunità cattolica cinese rivolta ai diaconi ed ai nuovi sacerdoti ordinati in questo periodo. Diverse diocesi hanno infatti celebrato le ordinazioni durante il mese mariano, perché la Madonna custodisca la vocazione dei nuovi pastori.<br />Secondo le informazioni raccolte dall’Agenzia Fides, nel giorno della festa della Madonna di Fatima, 13 maggio, la diocesi di Nan Chong della provincia di Si Chuan, ha celebrato l’ordinazione di un diacono e di un sacerdote. Alcuni fedeli che hanno partecipato al rito hanno sottolineato che “i nuovi operai della vigna del Signore sono preziosi”, lanciando un invito “a tutti i giovani perchè rispondano alla chiamata del Signore, anche se non sono della nostra diocesi, perché tutti siamo dello stesso gregge”.<br />Oltre 3 mila fedeli hanno partecipato all’ordinazione sacerdotale di due diaconi nella diocesi di An Yang, nella provincia di He Nan. I nuovi sacerdoti, al termine della celebrazione, hanno ringraziato la Madonna che li ha accompagnati e guidati lungo il loro cammino vocazionale.<br />Anche la comunità cattolica della provincia di Guang Xi, nel sud del continente, ha accolto un gruppo di sei sacerdoti novelli. L’ordinazione è avvenuta il primo maggio, festa di S. Giuseppe lavoratore e primo giorno del mese mariano. <br /> Sat, 23 May 2015 09:09:35 +0200ASIA/INDONESIA - Non è più obbligatorio indicare la religione sulla carte di identitàhttp://fides.org/it/news/57691-ASIA_INDONESIA_Non_e_piu_obbligatorio_indicare_la_religione_sulla_carte_di_identitahttp://fides.org/it/news/57691-ASIA_INDONESIA_Non_e_piu_obbligatorio_indicare_la_religione_sulla_carte_di_identitaGiacarta – Non è più obbligatorio in Indonesia indicare la religione sulla carta di identità. I cittadini indonesiani, alla voce “religione” del documento, potranno lasciare uno spazio in bianco oppure indicare una fede anche al di fuori delle sei riconosciute ufficialmente dallo stato. Lo ha annunciato il ministro dell'Interno Tjahjo Kumolo, affermando che la disposizione è stata inoltrata a tutti i capi distretto. Secondo la Costituzione indonesiana, sono solo sei le religioni ufficialmente riconosciute dal governo: Islam, Protestantesimo, Cattolicesimo, Induismo, Buddismo e Confucianesimo. Finora i cittadini indonesiani hanno dovuto obbligatoriamente indicare sulla propria carta di identità uno di questi sei culti, indipendentemente dalle loro effettive convinzioni .<br />Tjahjo, membro dell’esecutivo del Presidente Joko Widodo, ha riferito che uno dei motivi principali per il cambio della regola è avere la precisa informazione dei riti funerari da osservare in caso di morte di una persona. <br />“Non bisogna forzare le persone, ad esempio, a scegliere l'Islam se la loro fede assomiglia insegnamenti islamici ma non è la stessa”, ha detto Tjahjo, spiegando che il suo ministero ha vagliato consigli e input da diversi leader, forum e enti religiosi, come Consiglio degli Ulema indonesiani e il Ministero degli affari religiosi, prima di giungere a questa decisione.<br />Pur se presentata come una “mossa amministrativa”, si tratta di un grande passo avanti in nome della libertà religiosa per gli indonesiani di tutte le fedi. Alfiere di tale modifica è stato Basuki Tjahaja Purnama, politico cristiano, governatore del distretto della capitale Giacarta. Fra l’altro, notano alcuni studiosi, l’obbligo di scelta fra le sei religioni riconosciute ha indotto milioni di cittadini indonesiani a definirsi ufficialmente “musulmani”, mentre, di fatto, seguono e praticano culti tradizionali indigeni. Eliminare l’obbligatorietà, dunque, potrebbe ridefinire il volto religioso della nazione indonesiana oggi. <br />“Per la crescita futura dell’Indonesia occorre avere il coraggio di modificare una norma ormai desueta” ha detto Purnama, ricordando che in tal modo si potranno eliminare le discriminazioni che spesso subiscono i cittadini non musulmani, anche in scuole e posti di lavoro pubblici. Fri, 22 May 2015 12:48:25 +0200ASIA/PAKISTAN - 106 incriminati per l’omicidio dei due cristiani arsi vivi: “Un passo verso la giustizia”http://fides.org/it/news/57690-ASIA_PAKISTAN_106_incriminati_per_l_omicidio_dei_due_cristiani_arsi_vivi_Un_passo_verso_la_giustiziahttp://fides.org/it/news/57690-ASIA_PAKISTAN_106_incriminati_per_l_omicidio_dei_due_cristiani_arsi_vivi_Un_passo_verso_la_giustiziaFaisalabad – “E’ un passo avanti verso la giustizia. Speriamo e auspichiamo che sia fatta giustizia in un caso che ha sconvolto la comunità cristiana in Pakistan”: così padre Waseem Walter, Direttore delle Pontificie Opere Missionarie in Pakistan, commenta all’Agenzia Fides la notizia che un tribunale antiterrorismo ha incriminato ufficialmente 106 persone per l'omicidio di una coppia cristiana, Shahzad e Shama Masih, linciati e bruciati vivi dopo essere stati accusati di blasfemia a novembre del 2014 nella città di Kot Radha Kishan, in Punjab. <br />I due avevano quattro figli e Shama era incinta. Sono stati segregati, percossi e bruciati in un forno di mattoni da un folla di musulmani che li accusavano di aver bruciato pagine del Corano. L'incidente suscitò l'indignazione internazionale. <br />Secondo la ricostruzione basata su alcune testimonianze acquisite dal tribunale, tre capi religiosi delle moschee locali sono accusati di aver istigato una folla di circa 400 musulmani a linciare i due coniugi, dopo aver rinvenuto alcune pagine del Corano bruciate nei pressi della loro abitazione. La folla avrebbe chiesto a Masih e alla moglie di convertirsi all'islam o di affrontare le conseguenze di un’azione di blasfemia. I due si sono rifiutati. Sono stati rinchiusi e sequestrati per una notte, poi dati in pasto alla folla che li ha uccisi. <br />Le 106 persone accusate ieri sono state condotte dinanzi al giudice di Lahore fra rigorose misure di sicurezza. Si ritiene che altri 32 sospetti siano ancora a piede libero. Il tribunale ha confermato l’incriminazione per l'omicidio. Non tutti si sono dichiarati colpevoli. Secondo la polizia, oltre ai tre imam Mohammad Hussain, Arshad Baloch e Noorul Hassan, anche Yousaf Gujjar, il padrone della fornace di mattoni, ha incitato la folla. <br />Come appreso da Fides, gli avvocati cristiani ritengono questo processo un passo fondamentale per mostrare che la giustizia in Pakistan è uguale per tutti e non fa discriminazioni quando le vittime appartengono alle minoranze religiose. Fri, 22 May 2015 12:47:13 +0200AFRICA/EGITTO - Il Patriarca Tawadros interviene alla conferenza sulla “diaspora copta”http://fides.org/it/news/57689-AFRICA_EGITTO_Il_Patriarca_Tawadros_interviene_alla_conferenza_sulla_diaspora_coptahttp://fides.org/it/news/57689-AFRICA_EGITTO_Il_Patriarca_Tawadros_interviene_alla_conferenza_sulla_diaspora_coptaIl Cairo - “Dobbiamo farci carico di tutte le domande e le richieste che vengono dal nostro popolo”. E' questo il messaggio che il Patriarca copto ortodosso Tawadros II ha voluto lanciare intervenendo giovedì 21 maggio alla prima Conferenza da lui convocata per affrontare tutti i problemi connessi allo sviluppo delle comunità copte in diaspora, che raccolgono il crescente numero di cristiani copti emigrati dall'Egitto per vivere stabilmente in altri Paesi. <br />Il programma della conferenza – che si tiene nel Monastero di San Paolo eremita, non lontano dal Mar Rosso - intende delineare alcuni criteri-guida per lo sviluppo delle comunità copte sparse nel mondo per i prossimi 25 anni. Nel suo intervento, Papa Tawadros ha sottolineato la necessità di operare in modo che le strutture ecclesiastiche e canoniche siano sempre poste al servizio delle dinamiche vitali in atto nella compagine ecclesiale, dovunque essa sia presente. .Fri, 22 May 2015 12:13:41 +0200AFRICA/CONGO RD - La società civile denuncia il ruolo ambiguo dell’esercito nei massacri nel territorio di Benihttp://fides.org/it/news/57688-AFRICA_CONGO_RD_La_societa_civile_denuncia_il_ruolo_ambiguo_dell_esercito_nei_massacri_nel_territorio_di_Benihttp://fides.org/it/news/57688-AFRICA_CONGO_RD_La_societa_civile_denuncia_il_ruolo_ambiguo_dell_esercito_nei_massacri_nel_territorio_di_BeniKinshasa - “Nel territorio di Beni, nel Nord Kivu la popolazione continua ad essere vittima di massacri e furti” afferma una nota inviata all’Agenzia Fides dalle Rete Pace per il Congo. Dall’8 al 13 maggio, in soli 5 giorni, sono state assassinate ben 35 persone. Generalmente, le vittime sono uccise all’arma bianca: nel tardo pomeriggio, quando rientrano dal lavoro nei campi, o di notte, sorprese in pieno sonno. Intensificatisi nelle ultime settimane, gli attacchi sono attribuiti a un gruppo armato d’origine ugandese, le Forze Democratiche Alleate . <br />Spesso però, questi massacri avvengono in zone "controllate" dall’esercito nazionale e in prossimità di basi militari. Un ribelle ADF arrestato e interrogato ha rivelato l’esistenza di una rete di appoggio alle ADF guidata da un ufficiale superiore delle FARDC . L’ultimo massacro, quello di Mapiki e Sabu, avvenuto il 13 maggio, è stato compiuto meno di 24 ore dopo la visita del Vice Primo Ministro e Ministro degli Interni, Evariste Boshab, a Beni, per una missione di valutazione della situazione di insicurezza nella regione . <br />In seguito a queste constatazioni, la popolazione locale si sente abbandonata dall’autorità centrale dello Stato, mette in dubbio l’efficacia dell’esercito che dimostra di essere incapace di assicurare la sua sicurezza e sospetta alcuni vertici militari di complicità con le ADF.<br />Per questo la popolazione chiede: la sostituzione del comando militare dell’operazione Sokola 1 condotta contro le ADF; l’intensificazione delle operazioni militari contro le ADF; il rafforzamento della presenza della polizia sul territorio; il rafforzamento dei servizi di intelligence; l’apertura di inchieste su eventuali complicità militari e civili con le ADF; la ripresa della collaborazione militare con le forze della MONUSCO . Fri, 22 May 2015 11:41:20 +0200