AMERICA/NICARAGUA - Il Vescovo di Matagalpa presenta un “decalogo etico” per i politici; si attende ancora la liberazione di tutti i prigionieri

lunedì, 17 febbraio 2020 situazione sociale   politica   prigionieri politici   chiese locali   elezioni   nunziatura  

Twitter

Il Vescovo di Matagalpa presenta un “decalogo etico” per i politici; si attende ancora la liberazione di tutti i prigionieri

Matagalpa (Agenzia Fides) – Il brano del Vangelo proclamato nelle messe di domenica scorsa, il “discorso della montagna” (Mt 5.17-37) che affronta l'argomento dell'adempimento della legge, ha dato lo spunto a Mons. Rolando José Alvarez Lagos, Vescovo di Matagalpa, per presentare ai politici del paese un decalogo etico da seguire.
Durante l'omelia della Messa celebrata nella Cattedrale, Mons. Alvarez, con lo stile chiaro e diretto che lo caratterizza, ha detto: "Primo: non squalificare l'altro; secondo: non criticarlo in modo distruttivo; terzo: non giudicarlo in modo errato; quarto: rispetta la sua dignità; quinto: rispetta la sua privacy, la sua integrità e la sua vita familiare; sesto: rispetta le opinioni dell'altro; settimo: riconosci che tutti abbiamo bisogno l'uno dell'altro; ottavo: cerca sempre i punti di consenso; nono: considera il Nicaragua come il bene comune più grande e principale; decimo: supera il male con il bene".
Il Nicaragua vive ancora in una situazione di forte tensione per la mancanza di libertà in tutti i sensi. Neanche la notizia delle prossime elezioni ha portato serenità nelle famiglie che hanno un familiare in prigione senza una reale accusa. Nessuno conosce il numero esatto dei prigionieri politici, ma si sa bene che sono tanti. Come informa la nota inviata da una fonte locale di Fides, la notizia del rilascio, giovedi 13 febbraio, di otto prigionieri politici da parte del regime Orteguista, ha certo provocato soddisfazione tra i gruppi che chiedono la liberazione dei prigionieri di coscienza, ma i familiari dei carcerati continuano a chiedere la liberazione incondizionata di tutti i cittadini che sono detenuti nei diversi penitenziari del paese.
Brenda Gutiérrez, presidente del Comitato per la Liberazione dei prigionieri politici, ha dichiarato alla stampa locale che, sebbene non dovrebbe essere ringraziato nessuno in quanto la libertà è un diritto, bisogna riconoscere l’intervento del Nunzio apostolico, l'Arcivescovo Waldemar Sommertag, che, nelle parole della Gutierrez, è stato l'unico in grado di farsi ascoltare dalla coppia che governa il Nicaragua, il Presidente Daniel Ortega e la Vicepresidente Rosario Murillo, sua moglie. Brenda Gutiérrez ha aggiunto: "E' una situazione terribile. Non c'è libertà, sembra che siamo sequestrati nel nostro stesso paese".
Secondo Alianza Civica sono ancora 61 i prigionieri politici. Brenda Gutiérrez ha sottolineato che "sebbene la Grande Coalizione dell'opposizione sia preoccupata per definire la riforma elettorale in vista delle prossime elezioni, non possiamo dimenticare quanti soffrono ingiustamente in carcere".
(CE) (Agenzia Fides, 17/02/2020)


Condividi:
situazione sociale


politica


prigionieri politici


chiese locali


elezioni


nunziatura