ASIA/FILIPPINE - Il Vescovo Mesiona: “Chiesa e governo lavorino insieme per il bene comune”

giovedì, 13 settembre 2018 evangelizzazione   politica   giustizia   pace   bene comune   chiese locali   missio ad gentes  

Città del Vaticano (Agenzia Fides) - "Il rapporto della Chiesa cattolica con il Presidente Duterte non è facile. Temi come le uccisioni extragiudiziali, che continuano nella ‘campagna contro la droga’, e il rispetto dell'ambiente destano preoccupazione. La Chiesa ribadisce il suo approccio di una ‘collaborazione critica’ col governo. Siamo consci di voler lavorare insieme per il bene del paese: ci interessa il bene comune delle persone. Ma dobbiamo alzare la voce quando ci sono politiche o atti che vanno contro il Vangelo. Ci appelliamo alla coscienza di fede dei battezzati: spesso ci si chiede come sia possibile che i fedeli cattolici nelle Filippine continuino a tributare al presidente il loro supporto”: lo dice all'Agenzia Fides il Vescovo Socrates C. Mesiona, Vicario Apostolico di Puerto Princesa, sull’isola filippina di Palawan. Il Vescovo è a Roma per partecipare al Seminario di formazione per i Vescovi di nuova nomina, organizzato dalla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli.
Il Vescovo nota: "Il paese ha bisogno di una figura che sia simbolo e rappresenti l'unità nazionale, una figura in cui tutti possano riconoscersi: questo è il ruolo del Presidente. Oggi, invece, vediamo una nazione polarizzata: Duterte non sembra alimentare e coltivare questa unità".
Guardando alla situazione della Chiesa, mons. Mesiona ricorda: “La Chiesa cattolica nella Filippine sta vivendo, in preparazione ai 500 anni dell'evangelizzazione (l'anniversario si celebra nel 2021), un 'Anno del Clero': come Vescovi, preti, religiosi, siamo chiamati a essere credibili nella nostra testimonianza evangelica, a rinnovare la nostra fede e e dedicarci all’evangelizzazione”. Il Vescovo rileva: “La sfida è collaborare per trasformare la nostra società, assumendo un approccio missionario, per rompere barriere, aprire nuove strade, cambiare modo di pensare”.
E’ in corso di svolgimento in tutto il paese la preparazione per celebrare il 500mo anniversario dell’arrivo del Vangelo nelle Filippine (era il 1521). Per prepararsi adeguatamente a questo importante appuntamento, la Chiesa nelle Filippine ha disposto un ciclo di nove anni (dal 2013 al 2021) che culmineranno con l’Anno santo dell’anniversario, il 2021. La Chiesa, conclude il Vescovo, intende “sensibilizzare per rendere consapevole ogni battezzato della sua vocazione missionaria. Infatti il 2021 sarà l’Anno della Missio Ad Gentes”. (PA) (Agenzia Fides 13/9/2018)


Condividi: