ASIA/INDONESIA - Dimissioni del Vescovo di Manado e nomina del successore

mercoledì, 19 aprile 2017

Città del Vaticano (Agenzia Fides) – Il Santo Padre Francesco, in data 12 aprile 2017 ha accettato la rinuncia al governo pastorale della diocesi di Manado (Indonesia), presentata da S.E. Mons. Joseph Theodorus Suwatan, M.S.C. Il Papa ha nominato Vescovo della diocesi di Manado (Indonesia) il rev. do P. Benedictus Estephanus Rolly Untu, M.S.C., già Superiore Provinciale dei Missionari del Sacro Cuore per l’Indonesia.
Il Rev.do P. Benedictus Estephanus Rolly Untu, M.S.C., è nato il 4 gennaio 1957 a Lembean, nella diocesi di Manado. Ha frequentato il Seminario Minore a Kakaskasen e, in seguito, ha completato gli studi filosofici e teologici nel Seminario Maggiore di Pineleng. Ha emesso la professione perpetua il 15 gennaio 1983, a Manado. È stato ordinato sacerdote il 29 giugno 1983 a Manado.
Dopo l’ordinazione, ha svolto i seguenti incarichi: Vicario parrocchiale della Cattedrale di Manado (1983-1984); Parroco della Parrocchia Regina del Santo Rosario a Tuminting, nella diocesi di Manado (1984-1985); Diploma in Spiritualità presso l’Adhyatma Vidya Pitham a Bangalore, India (1985-1986); Socio del Noviziato MSC a Karanganyar, nella diocesi di Purwokerto (1986-1991); Maestro temporaneo del Noviziato MSC a Karanganyar (1989-1990); Parroco della Parrocchia S. Giuseppe Lavoratore a Karanganyar (1987-1991); Studi per la Licenza in Teologia Dogmatica all’Università Cattolica di Lovanio, in Belgio (1991-1994); Formatore nello Scolasticato MSC a Pineleng, nella diocesi di Manado; docente nel Seminario Maggiore a Pineleng; Membro del Consiglio Presbiterale e del Collegio dei Consultori della Diocesi di Manado (1995-2005); Vice-Provinciale MSC per l’Indonesia (1996-1997); Vice-Direttore della Scuola Superiore di Filosofia a Pineleng, (1998-2002); Superiore dello Scolasticato MSC a Pineleng (2003-2005); Assistente del Superiore Provinciale MSC per l’Indonesia (2005-2011); Superiore Provinciale MSC per l’Indonesia (2011-2016). (SL) (Agenzia Fides 19/4/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network