ASIA/SIRIA - Aleppo est, evacuazione sospesa. Il direttore dell'ospedale cattolico: accogliamo feriti e malati dei quartieri che erano sotto i ribelli

venerdì, 16 dicembre 2016 guerre   jihadisti   sanità  

alalam.news

Aleppo (Agenzia Fides) - E' stata sospesa l'evacuazione che ieri ha consentito di trasferire migliaia di civili e di miliziani dai quartieri orientali di Aleppo fino alle aree di raccolta dislocate presso il confine con la Turchia. Le fonti ufficiali siriane sostengono che ieri l'evacuazione ha fatto uscire da Aleppo più di 8mila persone, e la sospensione è avvenuta perchè oggi i ribelli e le forze jihadiste non avrebbero rispettato i termini dell'accordo, provando a portare con sé alcuni prigionieri. Altre fonti filogovernative siriane affermano che l'operazione è stata sospesa dopo che dalle aree ancora in mano ai miliziani anti-Assad sono stati lanciati colpi di mortaio sui corridoi umanitari aperti per far passare i convogli usati per l'evacuazione. Le stesse accuse vengono invece rivolte contro le milizie filo-Assad dalle fonti vicine ai ribelli.
Intanto, dagli stessi quartieri di Aleppo est, tanti civili fuggono e riescono a raggiungere la zona ovest di Aleppo, rimasta sempre sotto il controllo dell'esercito siriano, e dove i malati e i feriti cominciano ad affollare in maniera insostenibile le strutture sanitarie locali, operanti già da anni in condizioni di emergenza, a causa del conflitto. “I primi casi a cui abbiamo fatto fronte nel nostro ospedale” riferisce all'Agenzia Fides Emile Katti, medico chirurgo e direttore dell'Ospedale al Raja di Aleppo, sostenuto dalla Custodia di Terra Santa – sono emblematici della situazione che si viveva in quei quartieri: c'è un uomo con il braccio fratturato da 7 mesi per una scheggia, che aveva già subito un'operazione fatta male da un medico egiziano. Poi c'è un bambino down che da quattro anni non riceveva cure appropriate per le sue patologie; poi c'è un altro ragazzino con una scheggia nella testa, che fortunatamente non ha leso parti vitali. Il suo papà è stato ammazzato qualche mese fa. Ogni giorno, per chissà quanto tempo ancora, in questo inferno siamo chiamati a far fiorire la speranza”.
I racconti delle persone provenienti dai quartieri fino a ieri in mano a gruppi ribelli e milizie jihadiste fanno emergere dettagli spesso ignorati dai media mainstream: “Alcuni giorni fa” riferisce Emile Katti, che a novembre ha raccontato la sua esperienza di medico ad Aleppo in un interessante convegno organizzato allUniversità Campus Biomedico di Roma – la sorella di un nostro dipendente e tutta la sua famiglia sono stati uccisi dai cecchini mentre provavano a abbandonare Aleppo est attraverso i corridoi umanitari. I malati e i feriti che provengono da quei quartieri raccontano che c'era la fame e che si erano ridotti a mangiare l'erba, e che i viveri sufficienti li avevano solo i miliziani e i loro seguaci”.
Nella giornata di giovedì 15 dicembre, per diverse volte una colonna di 20 autobus verdi è uscita dai quartieri orientali di Aleppo, trasportando ogni volta circa 1200 persone fino alle aree prossime al confine con la Turchia. L'accordo sull'evacuazione dei miliziani e dei civili da Aleppo est, mediato da Russia e Turchia, prevedeva come contropartita - al momento non ancora concessa - la fine dell'assedio di due villaggi sciiti della provincia di Idlib, circondati da lungo tempo dalle milizie jihadiste. Appare difficile verificare le cifre messe in rete anche dalle agenzie d'informazione in merito ai numero dei civili che erano rimasti nelle aree di Aleppo fino a poco tempo fa in mano ai guppi di insorti: “tanti ripetono senza alcuna verifica che in quella parte della città c'erano più di 250mila abitanti, ma il dato reale sembra essere molto più basso. E adesso è diventato di fatto impossibile ogni conteggio, visto che la gente scappa appena può e come può, in tante direzioni. E tanti vengono accolti con grande spirito di solidarietà da parenti e conoscenti che non hanno potuto incontrare da anni”. (GV) (Agenzia Fides 16/12/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network