AFRICA/CONGO RD - L’opposizione lancia l’operazione “città morta” e la disobbedienza civile per cacciare Kabila

giovedì, 27 luglio 2017 politica  

Kinshasa (Agenzia Fides) - Due giorni di “città morta” in tutta la Repubblica Democratica del Congo per “ottenere la partenza” del Presidente Joseph Kabila sono stati indetti dall’opposizione che si riconosce nel “Rassemblement”. Le due giornate di protesta si terranno l’8 e il 9 agosto, alle quali seguiranno altre iniziative di protesta.
Il mandato di Kabila è scaduto il 20 dicembre 2016, data entro la quale si dovevano tenere le elezioni generali. In base agli accordi di San Silvestro, mediati dai Vescovi cattolici, Kabila è rimasto al potere per nominare un governo di unità nazionale incaricato di organizzare le elezioni entro il 2017. Il governo formato a maggio dal Premier Bruno Tshibala non include però i rappresentanti dell’opposizione riunita nel Rassemblement che ne contesta la legittimità. Tanto più che appare difficile che possa organizzare entro l’anno le elezioni (vedi Fides 20/7/2017).
Dopo le due giornate di “città morta”, le Rassemblement ha indetto per il 20 agosto dei meeting nei capoluoghi delle 25 province e quattro assembramenti in 4 differenti punti della capitale Kinshasa, che ha 10 milioni di abitanti. “In mancanza di convocazione degli elettori, entro il 30 settembre, Joseph Kabila non verrà riconosciuto come presidente dal 1° ottobre” ha dichiarato un portavoce del Rassemblement. A partire dal 1° ottobre pertanto i congolesi sono invitati alla disobbedienza civile, non pagando tasse né fatture elettriche e idriche alle due società statali che hanno il monopolio dell’erogazione di questi servizi. (L.M.) (Agenzia Fides 27/72017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network