AMERICA - REPAM: il diritto al territorio è condizione preliminare per l'esercizio di altri diritti

giovedì, 23 marzo 2017
REPAM: il diritto al territorio è condizione preliminare per l'esercizio di altri diritti

REPAM: il diritto al territorio è condizione preliminare per l'esercizio di altri diritti

Washington (Agenzia Fides) – La Rete Ecclesiale Pan-Amazzonica (REPAM), considerando la violazione dei diritti territoriali dei popoli indigeni e delle comunità amazzoniche in Sud America, ha proposto alla Commissione Internazionale dei Diritti Umani (ONU) di valutare la possibilità, attraverso il relatore per i diritti delle popolazioni indigene, di preparare e pubblicare una relazione sulla situazione dei diritti territoriali di questi popoli. "Crediamo che tale documento sarebbe uno strumento giuridico utile per la difesa, a livello nazionale e internazionale, delle comunità indigene e non indigene in Amazzonia" ha commentato la REPAM riguardo all'udienza svoltasi il 17 marzo a Washington (vedi Fides 2/03/2017).
I rappresentanti delle popolazioni indigene e Mons. Pedro Ricardo Barreto Jimeno, S.J., Arcivescovo di Huancayo (Perù) e portavoce del CELAM, hanno illustrato i gravi danni che l'estrazione dei minerali ed altre attività legali e illegali in Amazzonia, hanno arrecato e continuano ad arrecare non solo all'ambiente e alle risorse naturali, ma anche ai diritti umani dei popoli indigeni e non indigeni locali, in particolare al diritto del territorio. Hanno quindi fatto appello alle autorità perchè ricerchino nuovi modi in grado di armonizzare il rispetto dei diritti umani e dell'ambiente con lo sviluppo economico e produttivo.
Nell'udienza la REPAM ha focalizzato l'attenzione sul diritto al territorio, come condizione preliminare per l'esercizio di altri diritti, identificando il problema più grande della regione amazzonica con l'espansione delle industrie estrattive e con un nuovo modello economico, cui gli Stati hanno indirizzato le loro normative e politiche pubbliche.
(CE) (Agenzia Fides, 23/03/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network