AFRICA/BURUNDI - “Solo piccoli passi verso la riconciliazione” lamentano i Vescovi

martedì, 6 dicembre 2016 vescovi   rifugiati  

Bujumbura (Agenzia Fides) - “Apprezziamo i passi effettuati e ringraziamo coloro che vi hanno contribuito” affermano i Vescovi del Burundi nella loro Lettera pastorale pubblicata per la chiusura dell’Anno Santo della Misericordia. “All’apertura dell’Anno giubilare avevamo auspicato che quest’Anno fosse per i burundesi un’opportunità di riconciliazione, perché i contendenti si sedessero, si dicessero la verità in un dialogo franco che permettesse di risolvere i problemi del Paese, in modo tale che i burundesi possano vivere nella pace e nella sicurezza” spiega il messaggio che è pervenuto all’Agenzia Fides.
“Ci sono ancora tanti fratelli e sorelle che sono rifugiati al di fuori del Paese” ricordano i Vescovi. “Nonostante abbiano sentito il nostro appello, non osano rientrare perché non si sentono rassicurati. Non c’è qualcosa da correggere perché si sentano sicuri ?” sottolinea il messaggio.
I Vescovi lamentano che quanti sono rimasti nel Paese “diffidano gli uni degli altri, e sembra che si spiino reciprocamente, avendo paura di dire la verità a voce alta, non si ha più fiducia del proprio vicino, proprio quando invece è il momento di dire la verità e di accogliere la verità che salva e riconcilia”.
La crisi politica burundese risale all’aprile 2015, quando il Presidente Pierre Nkurunziza annunciò la decisione di ripresentarsi alle elezioni per un terzo mandato, in violazione della Costituzione e degli accordi di pace di Arusha. La rielezione di Nkurunziza, nel luglio dello stesso anno, ha aggravato la situazione con omicidi e sparizioni di persone legate all’opposizione e la comparsa di gruppi di guerriglia anti Nkurunziza. Le violenze hanno finora provocato 500 morti e spinto alla fuga nei Paesi limitrofi circa 300.000 persone. (L.M.) (Agenzia Fides 6/12/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network