ASIA/KYRGYZSTAN - Il Regno di Dio nel cuore dell’Asia: “Le nuove restrizioni non toccano la piccola Chiesa kyrgysa”, dice a Fides l’Amministratore Apostolico

lunedì, 1 febbraio 2010

Bishkek (Agenzia Fides) – Le nuove restrizioni sulla libertà religiosa applicate nei giorni scorsi dal governo del Kyrgyzstan “non toccano la piccola Chiesa cattolica del paese, che prosegue il suo cammino, nella cura pastorale fedeli, nell’opere sociale e umanitaria”, dice all’Agenzia Fides S. Ecc. Mons. Nikolaus Messmer, Sj Amministratore Apostolico del Kyrgyzstan.
Il governo ha diramato di recente un nuovo regolamento sulla presenza e l’attività dei gruppi religiosi nel paese. La nuova legge prevede che ogni gruppo, per essere registrato ufficialmente e dunque operare legalmente, debba avere un minino di 200 fedeli. Il provvedimento mette in difficoltà alcune denominazioni cristiane di area protestante che contano piccoli gruppi di fedeli. Ma ha sollevato proteste anche da gruppi musulmani (spesso piccoli) che intendono aprire nuove moschee e scuole islamiche. Il capo della Commissione governativa sulle religioni, Kanibek Osmonaliyev, ha spiegato che il governo intende soprattutto controllare e limitare il proliferare delle sette, riconducibili a qualsiasi credo religioso.
“La Chiesa cattolica non viene invece toccata in alcun modo – spiega all’Agenzia Fides Mons. Messmer – in quanto siamo già ampiamente riconosciuti e abbiamo più di 200 fedeli”.
“Certo, il numero dei cattolici resta ancora molto basso. Siamo meno di mille in tutto il paese, e per la maggioranza i fedeli sono di estrazione polacca o tedesca. Va detto anche che molti cittadini cattolici di origine tedesca negli anni scorsi hanno preferito lasciare il paese e tornare in Europa, e così il numero di cattolici è diminuito. Ma in ogni caso non abbiamo alcun problema con le autorità civili. Qualche difficoltà esiste nel rilascio dei visti per i missionari, che devono essere rinnovati ogni sei mesi”.
La piccola comunità cattolica nel paese “continua nel suo cammino, operando soprattutto per l’assistenza spirituale e la cura pastorale dei fedeli. Inoltre siamo impegnati in opere sociali e lavoro umanitario, aiutando chiunque abbia bisogno, senza alcun discriminazione”.
Le risorse sono comunque limitate: la Chiesa in Kyrgyzstan, su circa cinque milioni di abitanti, ha 6 sacerdoti, 2 religiosi e 4 suore. Solo due preti sono di nazionalità kyrgysa, gli altri sono missionari. “Dobbiamo crescere, con l’aiuto della Provvidenza, per portare la Buona Novella del Regno di Dio nel cuore dell’Asia”, conclude l’Amministratore. (PA) (Agenzia Fides 1/2/2010 righe 25 parole 265)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network