ASIA/INDONESIA - Giovani cattolici e musulmani insieme alla “Gmg asiatica”

sabato, 5 agosto 2017

Yogyakarta (Agenzia Fides) - Divisi in workshop a parlare con i Vescovi su temi come il rispetto della madre terra, problemi sociali come droga, corruzione, aborto, povertà e la questione dei migranti, ma anche sulle nuove strade per proclamare il Vangelo in Asia, l'identità della fede, i matrimoni interreligiosi: gli oltre 2.000 giovani da 22 paesi che prendono parte alla settima Giornata della Gioventù Asiatica, in Indonesia dal 31 luglio al 6 agosto, sperimentano “l'unità nella diversità culturale e religiosa”, nella consapevolezza che “essere religiosi significa di per sè essere interreligiosi”, ha sottolineato il gesuita indonesiano p. Andreas Setyawan. All'Asia Youth Day hanno preso parte, infatti, ben 160 giovani musulmani che hanno seguito tutte le attività e condiviso con entusiasmo lo spirito di fratellanza che si respira al Jogja Expo Center, il grande centro-convegni messo a disposizione gratuitamente dal governo locale di Yogyakarta, provincia indonesiana guidata dal Sultano Hamengku Buwono X.Nei giorni scorsi i giovani hanno visitato diversi luoghi della città (chiese, scuole, comunità) partecipando ad attività di incontro, ascolto e dibattito, preghiera, performance musicali di vario genere: tutte iniziative pensate nell'ottica di fare crescere nei giovani la consapevolezza del loro ruolo di protagonisti attivi nel costruire il bene comune e l'armonia nelle società in cui sono inseriti.La kermesse è stata anche l'occasione per far conoscere la gioventù cattolica asiatica ai giovani musulmani indonesiani: “Questo incontro rafforza i legami di comprensione, dialogo, tolleranza, tra i giovani di religioni diverse: tolleranza non significa restare in silenzio e sopportarsi a vicenda, bensì ma coinvolgersi in una feconda relazione personale che implica scambio, dialogo, autentica amicizia, lavoro in comune, crescita nella fiducia e nella stima reciproca; significa coinvolgersi in una relazione interazione”, ha spiegato a Fides Rifqi Fairuz, principale rappresentante dei giovani musulmani presenti, parte del “National Gusdurian Network”, movimento che in Indonesia si ispira al leader Abdurrahman Wahid, detto “Gus Dur”.Non sono mancati alla “Gmg asiatica” (come viene chiamata, dato che l'evento è ispirato dalla Giornata Mondiale della Gioventù) momenti di intensa preghiera, come l'Adorazione eucaristica, la celebrazione del Sacramento della riconciliazione, la preghiera meditativa in stile Taizè.Il Vescovo filippino Joel Baylon, che guida lo “Youth desk” nella Federazione della Conferenze episcopali dell'Asia, parlando questa mattina all'intera assemblea dei giovani partecipanti, ha rimarcato la realtà e le sfide dei giovani in Asia oggi. Su una popolazione giovanile tra i 10 e i 24 anni che, in Asia, supera 1,1 miliardi di persone (il 26% della popolazione del continente), il 70% crede che “la religione sia molto importante”. I giovani cattolici, in tale contesto, “sono chiamati a trasformare l'ottimismo in autentica speranza cristiana, per essere essi stessi il dono di Cristo all'Asia e al mondo”, ha rimarcato. L'Asia Youth Day si conclude domenica 6 agosto con la solenne Eucarestia, in presenza di sei cardinali asiatici, di numerosi Vescovi da tutto il continente e oltre 20mila fedeli. Tra le autorità civili, presente il vice presidente indonesiano, Jusuf Kalla, segno del sostegno istituzionale del governo all'intera iniziativa. (PA) (Agenzia Fides 5/8/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network