ASIA - I francescani in Asia del Sud : insieme per servire i "lebbrosi del nostro tempo"

lunedì, 26 agosto 2019 ambiente   povertà   francescani   emarginazione  

Bangkok (Agenzia Fides) - I francescani dell'Asia del Sud ribadiscono il loro impegno evangelico per la cura degli emarginati, per la salvaguardia del creato e per l'armonia interreligiosa: in un nota inviata all'Agenzia Fides da p. Nithiya Sagayam OFMCap , si informa che  circa 60 Superiori maggiori di diverse congregazioni francescane, maschili e femminili, provenienti da Sri Lanka, Pakistan e India si sono riuniti a Bangkok, in Thailandia, dal 18 al 24 agosto 2019 per riflettere e cercare di rispondere efficacemente, in senso evangelico, alle sfide di questa regione. Radicati nella spiritualità francescana, i partecipanti hanno promesso di "ravvivare la loro vita e missione con rinnovato vigore". I paesi dell'Asia meridionale affrontano sfide simili in campi come le ingiustizie sociali, l'estrema povertà, il degrado delle donne, l'abuso dei diritti dei minori, le migrazioni a carattere nazionale e internazionale, i rifugiati per causa climatiche, l'estremismo crescente e il fondamentalismo, le sfide del cristianesimo come minoranza trascurabile, l'oppressione di popolazioni indigene, abbandono delle aree rurali e la formazione di baraccopoli. Com riferito all'Agenzia Fides, i francescani hanno ribadito lo uno speciale impegno nei confronti dei più poveri, sia alivello personale che comunitario. Il Vescovo Joseph Pradhan Sridarunsil, SDB, alla guida della diocesi di Surat Thani, in Thailandia, nel suo messaggio ai presenti, ha evidenziato il carisma dell opzione preferenziale per i poveri, per la pace e per la tutela della creazione. Si è ricordato l'impegno accanto a leader religiosi di buddismo, islam, induismo, sikhismo e per il dialogo interreligioso, la pace e l'armonia. Durante le relazioni nazionali, i delegati di tutti i Paesi del sud asiatico hanno presentato la loro vita e missione per in particolare per i più poveri.
L'assemblea ha anche esaminato le dimensioni della spiritualità francescana in relazione alle questioni più scottanti della società indicando i francescani come pacificatori, portatori di giustizia, l'uguaglianza di genere, promotori dei diritti degli emarginati e degli oppressi.
L'assemblea ha in conclusione approvato un programma in dieci punti per la vita e la missione dei francescani in Asia meridionale, in cui si ribadisce la volontà di vivere i valori fondamentali francescani, di servire i "lebbrosi del nostro tempo", di restar accanto ai poveri e agli emarginati, di coordinare l'attività delle varie congregazioni francescane, di prestare particolare attenzione al dialogo, alla pace e all'armonia.
Nell'800° anniversario dell'incontro di San Francesco con il sultano e nel 150° anniversario della nascita di Gandhi, si programmeranno celebrazioni interreligiose per tutti i festival religiosi. Una menzione speciale va ai diritti e ala condizione della donna. (PA-SD) (Agenzia Fides 26/8/2019)


Condividi: