ASIA/ INDONESIA - Emergenza sanitaria per morbillo e malnutrizione nella Papua indonesiana

lunedì, 29 gennaio 2018 sanità   indigeni   bambini   solidarietà   chiese locali   missionari   diritti umani  

Unicef

malnutrizione in Papua

Agats (Agenzia Fides) – La crisi sanitaria scoppiata a metà gennaio 2018 ha colpito centinaia di famiglie della provincia di Agats, capitale del distretto di Asmat, nella provincia indonesiana di Papua, dove sono morti oltre 80 bambini a causa del morbillo e della malnutrizione. A lanciare l’allarme in un colloquio con l’Agenzia Fides è p. Mushtaq Anjum, missionario Camilliano (MI), impegnato a Maumere, nella provincia di East Nusa Tenggara. “I primi casi erano stati registrati nel mese di settembre 2017 ma solo adesso il Governo centrale ha inviato un equipe di medici nella regione”, racconta il sacerdote. L’emergenza sanitaria, che negli ultimi 5 mesi ha fatto registrare 646 casi di morbillo e 144 di malnutrizione, ha mandato al collasso l’unico ospedale di Agats e costretto a ricoverare altre persone malate in una chiesa limitrofa alla struttura sanitaria.
P. Hery Nahak, sacerdote verbita, (SVD), parroco e responsabile della commissione sanitaria della diocesi di Agats, ha denunciato la situazione e ha affermato che le vittime di questa crisi sono comprese nella fascia di età tra 1 e 3 anni. Un altro prete Camilliano che si trova in loco, p. Mensa Aman, ha dichiarato che “la gente di Papua è priva di istruzione e di altri fabbisogni basilari e che il governo indonesiano finora ha completamente trascurato la vita e lo sviluppo degli abitanti di quest’area”.
Nella zona esiste un solo ospedale e 13 cliniche locali per una popolazione totale di 90.316 persone ed è davvero molto difficile gestire una crisi sanitaria così grave, notano i religiosi. La gente non riesce a raggiungere le strutture a causa della mancanza di mezzi di trasporto, delle strade dissestate e della povertà che ha contribuito alla perdita di molte vite innocenti. “E’ ora che il Governo ne prenda atto e intervenga seriamente”, rilevano i missionari.
Papua, anche detta Irian Jaya, è la provincia più orientale dell’arcipelago indonesiano ed è la parte occidentale dell’isola della Nuova Guinea (la parte orientale della stessa isola costituisce, invece, la nazione della Papua Nuova Guinea). Il cristianesimo è diffuso tra la popolazione della Papua e la Chiesa cattolica è fiorente. Su una popolazione di 57.269 cattolici la diocesi di Agats, nel 2016, ha registrato 2.209 nuovi battezzati. (MA/AP) (29/1/2018 Agenzia Fides)


Condividi: