AFRICA/UGANDA - Sull’esempio dei Martiri ugandesi, rinnoviamo l’impegno a mettere la fede in azione

lunedì, 30 ottobre 2017 chiese locali   filoni   animazione missionaria   bibbia   anziani   bambini  

J.Lukwago

Il Card. Filoni con i bambini vulnerabili a Busega

Kampala (Agenzia Fides) – Nella tarda mattinata di sabato 28 ottobre, il Card. Fernando Filoni ha presieduto la Messa di dedicazione del Santuario dei Santi Martiri ugandesi, a Munyonyo (vedi Fides 26/10/2017). “Oggi siamo riuniti in questo luogo dove i primi missionari hanno proclamato la Parola di Dio e hanno fondato la prima comunità cristiana. Come l'antico popolo di Dio, qui ascoltiamo attentamente la Parola di Dio, che i santi Martiri ugandesi hanno osservato eroicamente fino al punto di morte” ha detto il Cardinale nell’omelia, sottolineando che costoro “fin dall'inizio hanno capito l'importanza dell'istruzione nella Parola di Dio che ricevevano” e hanno dato prova del loro attaccamento a questa Parola alla partenza dei missionari, assumendo la guida delle comunità cristiane e continuando a istruirle nella fede, così “quando i missionari tornarono, trovarono un magnifico aumento del numero dei catecumeni e un notevole grado di fedeltà alla Parola di Dio”.
“Un rinnovato impulso nell'evangelizzazione, che è uno dei miei desideri per voi in questo Giubileo d'oro della vostra Arcidiocesi – ha proseguito - , è inconcepibile senza un rinnovato attaccamento alla Parola di Dio, soprattutto nelle famiglie. Le famiglie cattoliche hanno bisogno di un contatto più diretto con la Bibbia, altrimenti le sette continueranno a trarre vantaggio da questo punto debole, come avviene ora” ha affermato, invitando a promuovere lo studio e la meditazione delle Scritture.
Commentando le letture della Messa, il Card. Filoni ha sottolineato che “ogni cristiano, in stato di grazia, è un luogo di dimora di Dio, suo tempio e sua abitazione”, quindi “dobbiamo ricordare spesso che la Santissima Trinità abita le nostre anime quando siamo in stato di grazia. Questa grande verità impone la necessità della santità della vita cristiana”.
Con la consacrazione di questo edificio in onore dei Martiri ugandesi, “il Signore ci offre un'occasione piena di grazia per rinnovare il nostro impegno a mettere la fede in azione, emulando i Santi Martiri” ha esortato il Prefetto del Dicastero Missionario, rilevando che “tale sforzo dovrebbe toccare tutte le aree della nostra vita quotidiana, che il Signore ci chiama a evangelizzare”. Ha quindi citato la famiglia, la parrocchia, il luogo di lavoro, gli ospedali, la vita pubblica, l’educazione…
“Non esiste alcuna area della nostra vita che non deve essere trasformata dal Vangelo di Gesù – ha concluso il Card. Filoni -. Questo è ciò che i Martiri ci insegnano. I Martiri dell'Uganda hanno vissuto vite di profondo impegno cristiano. Che ciascuno di noi sia rinnovato nello stesso Spirito Santo, che ha dato loro coraggio, ogni volta che veniamo in questo bellissimo Santuario, dove il Signore e i suoi Martiri ci incontrano e ci danno forza”.
Nel pomeriggio di sabato 28 ottobre, il Card. Filoni si è recato in visita ad una casa per gli anziani gestita dai Missionari dei poveri (MOP), congregazione fondata da p. Ambrose Kulandairaj e fr. Murray Goodman nel 1999,a Nalukolongo, e ad una casa per bambini vulnerabili a Busega. (SL) (Agenzia Fides 30/10/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network