AFRICA/SUD SUDAN - La pace si costruisce con la preghiera: visita della Comunità di Taizè in Sud Sudan

venerdì, 13 ottobre 2017 pace   riconciliazione   preghiera   guerre   evangelizzazione   giovani  

Rumbek (Agenzia Fides) – La pace nasce dal cuore di ogni uomo e si costruisce, nella società e nella nazione, attraverso la preghiera: questo il messaggio lasciato dai rappresentanti della Comunità di Taize ai giovani delle scuole in Sud Sudan. Come appreso da Fides, le ragazze di una scuola secondaria cattolica in Sud Sudan, sotto la guida delle Suore di Loreto, continuano oggi a trarre ispirazione dalla Comunità di Taizé, comunità ecumenica fondata in Francia.
Sr. Orla Treacy, preside della “Loreto Girls Secondary school” nella diocesi cattolica di Rumbek, nel Sud Sudan, racconta a Fides l'incontro tra le ragazze del suo istituto e le comunità di Taizé presenti in Kenya e in Francia: “Abbiamo coltivato una lunga amicizia con la comunità di Taize in Kenya, grazie alle visite di fratello Luc di Nairobi in Sud Sudan. L'anno scorso due delle nostre diplomate hanno trascorso tre mesi con la comunità e con i giovani di Taize in Francia” continua Sr. Orla.
La “Loreto Girls Secondary school” di Rumbek ha sfornato 116 giovani diplomate tra il 2011 e il 2017 e attualmente la scuola ha 240 ragazze iscritte. Parlando della recente visita di due fratelli di Taizé alla scuola del Sud Sudan, Sr. Orla racconta a Fides l'apprezzamento degli studenti per il messaggio della comunità di Taizé: “Il messaggio di Taizé è quello della riconciliazione e della pace: un tema prezioso e che oggi ci parla in Sud Sudan. Avevamo chiesto a fratel Luc di tornare a condividere con noi lo spirito della loro comunità e siamo stati ancora più felici quando mi ha detto che anche fratel Alois, il Priore di Taizé, sarebbe venuto volentieri a visitare il Sud Sudan”.
I due fratelli di Taizè hanno trascorso diversi giorni a Juba prima di venire a Rumbek. A Juba, hanno visitato gli sfollati nei campi profughi. Arrivati a Rumbek, hanno visitato la comunità cattolica locale e le comunità religiose, trascorrendo anche una mattinata in visita al lebbrosario appena fuori di Rumbek. Nel pomeriggio, l’incontro con le giovani, con cui hanno pregato, letto la Bibbia, cantato.
Sr. Orla spiega a Fides: “Data la situazione che viviamo in Sud Sudan, pur nelle difficoltà e in un clima sociale conflittuale, cerchiamo sempre di trovare i modi per aiutare le ragazze a connettersi profondamente con Dio e per trovare la pace dentro di sé”. E le ragazze hanno imparato ad apprezzare e amare lo stile di preghiera e i canti della comunità di Taizè, continuando a pregare in quel modo anche quando i due frati sono partiti".
Il Sud Sudan, la nazione più giovane al mondo, dopo diversi mesi di tensioni politiche è sprofondata nella guerra civile a dicembre 2013, quando gli ufficiali di sicurezza fedeli al presidente si sono scontrati con quelli fedeli al vicepresidente Riek Machar.
In tale contesto il messaggio lasciato alle ragazze da fratel Luc “è stato un messaggio di pace e un forte incoraggiamento. Fratel Alois ha ricordato alle ragazze di pregare per la pace in Sud Sudan e per i giovani del Sud Sudan. Ha invitato le ragazze a portare la luce di Cristo nella loro vita, l’unica che può dare speranza e pace a ogni cuore”, conclude Sr. Orla Treacy. (PA/BO) (Agenzia Fides 13/10/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network