AFRICA/GHANA - “La celebrazione dell’Eucaristia deve essere sempre solenne” ammonisce il Cardinale Onaiyekan

giovedì, 24 agosto 2017 evangelizzazione  

Accra (Agenzia Fides)- Il Card. John Olorunfemi Onaiyekan, Arcivescovo di Abuja ,ha ammonito i cattolici in Africa a mantenere la celebrazione della Santa Eucaristia nel modo più solenne possibile.
Il Cardinale è intervenuto all’inaugurazione del 4 ° Congresso Eucaristico Nazionale nella diocesi di Jasikan nella Regione Volta, dove hanno partecipato oltre 10.000 pellegrini di tutte le 20 Diocesi del Ghana. Il tema del congresso, dalla durata di sei giorni, era "L'Eucaristia e la Nuova Evangelizzazione".
Il Cardinale Onaiyekan ha ricordato che il Concilio Vaticano II ha dato la possibilità alle Chiese locali a esaminare il patrimonio tradizionale della fede e della religione del loro popolo e di portare alcuni di questi elementi nella celebrazione dell'Eucaristia partendo dall'uso delle lingue locali.
Ma queste aperture non consentono di trasformare la Messa in un divertimento sociale o discoteca. “Anche quando suoniamo i tamburi africani, è sempre importante mantenere la solennità che la Santa Eucaristia merita” ha sottolineato il Cardinale. “A questo proposito- ha aggiunto- facciamo bene a tornare alle tradizioni religiose del nostro popolo. Ritornando alla nostra tradizione spirituale che ha ispirato i nostri progenitori a esprimere la loro fede in Dio. con musica e danza, ci accorgiamo che queste sono intese appunto per questo scopo, e non per una generica festa quotidiana o sociale, ha sottolineato il Cardinale.
“Ora che non abbiamo più paura di scavare nei patrimoni spirituali dei nostri antenati, troveremmo facilmente dei tesori che lo spirito del Signore ha messo nella mente dei nostri popoli prima che la fede cristiana arrivasse”.
“Una delle preoccupazioni di questo Congresso Eucaristico è quella di elaborare un programma così chiaro. In ogni nuova era dell'evangelizzazione, però, l'Eucaristia è celebrata e adorata, e non ci può essere evangelizzazione senza l'Eucaristia, e pertanto nessuna nuova evangelizzazione che non prenda seriamente l'Eucaristia”, ha affermato il Cardinale Onaiyekan
Ha aggiunto che i cattolici hanno bisogno di uscire creativamente con nuovi metodi di evangelizzazione poiché ci sono nuove possibilità che sono ora disponibili, soprattutto attraverso le nuove tecnologie di comunicazione. Il Cardinale Onaiyekan ha invocato i cattolici a mettere da parte l'atteggiamento della pigrizia spirituale, facendo poco o niente, o semplicemente cercando di fare del loro meglio per stare lontano dal peccato e sfuggire all'inferno. (A.A.) (L.M.) (Agenzia Fides 24/8/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network