AMERICA/PANAMA - Il Card. Lacunza chiede di risolvere la situazione dei cubani fermi a Panama da mesi

venerdì, 21 luglio 2017
Il Card. Lacunza chiede di risolvere la situazione dei cubani fermi a Panama da mesi

Caritas Panama

Il Card. Lacunza chiede di risolvere la situazione dei cubani fermi a Panama da mesi

David (Agenzia Fides) – Il Card. José Luis Lacunza O.A.R., Vescovo della diocesi di David (Panama), ha chiesto al governo di definire la situazione in cui si trovano i migranti cubani ancora fermi al campo profughi di Los Planes de Gualaca, provincia di Chiriquì. Nelle dichiarazioni fatte ieri a Televisora Nacional di Panama (TVN), il Cardinale ha sottolineato che non si possono tenere i migranti in quella condizione e bisogna considerare i loro diritti umani. Con una soluzione provvisoria si potrebbe concedere loro un visto di lavoro temporaneo, in modo tale che possano riuscire a fare qualcosa nel frattempo.
Circa 100 cubani irregolari si trovano nel campo di Los Planes de Gualaca da più di 3 mesi, e entro il 31 luglio, secondo quanto si è appreso in questi giorni, devono decidere se accettare o meno il ritorno volontario a Cuba. La proposta, informa la nota pervenuta a Fides da fonti locali, è stata diffusa dal Ministero della Sicurezza come un provvedimento riguardante la crisi migratoria. La stessa situazione dovranno affrontare gli stranieri che entrano a Panama in modo irregolare, quasi sempre con l’intenzioni di proseguire verso gli Stati Uniti.
Centinaia di cubani sono stati bloccati a Panama da gennaio, dopo la fine della politica “wet feet, dry feet policy” dell’amministrazione Obama che permetteva loro l'ingresso negli Stati Uniti.
Alcuni hanno continuato il loro cammino verso gli Stati Uniti nonostante fossero senza permessi, altri sono stati espulsi dal governo panamense e altri ancora sono tornati verso Cuba di propria volontà. L'ultimo gruppo di cubani, circa un centinaio, rimane ancora a Chiquirì.
(CE) (Agenzia Fides, 21/07/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network