AFRICA/SUDAFRICA - Prima assemblea africana delle Scalabriniane

lunedì, 10 luglio 2017 istituti missionari   animazione missionaria   migranti  

Johannesburg (Agenzia Fides) - Le rappresentanti delle comunità delle Suore missionarie di San Carlo Borromeo, Scalabriniane, presenti nella Repubblica democratica del Congo, in Sudafrica, Mozambico e Angola, sono riunite a Johannesburg per la prima Assemblea delle Scalabriniane in Africa.
“L'Africa è per la congregazione un continente importante – commenta suor Neusa de Fatima Mariano, superiora generale, nella nota inviata all’Agenzia Fides –. Oltre ad essere uno spazio di sviluppo formativo e missionario è un luogo dove poter sostenere i popoli le cui nazioni sono in crisi o che sono minacciati da emergenze ambientali. E' terra di rifugiati: persone disperate che cercano la salvezza in Europa e che tentano di sopravvivere a viaggi della speranza. Nigeria, Angola, Somalia sono solo alcuni dei luoghi dove la crisi si fa più forte”. Suor Neusa sottolinea che “l'Africa è a pieno titolo tra le protagoniste della nostra riorganizzazione”, al centro di questa fase di studio e di lavoro, e auspica che “il nostro carisma possa uscire rafforzato dall'impegno in un continente straordinario”.
Nel corso della loro Assemblea generale, svoltasi in Portogallo nel novembre 2016 (vedi Fides 22/11/2016) sul tema “Riorganizzare per rivitalizzare la vita consacrata scalabriniana”, suor Neusa de Fatima aveva affermato: “Stiamo puntando ad una riorganizzazione della congregazione, che tenga conto dei flussi migratori, della necessità di una distribuzione numerica delle risorse umane e di una itineranza, sia dei membri che del tipo di servizi. Per noi la migrazione è una risorsa per l'umanità, le migrazioni sono un segno dei tempi”. (SL) (Agenzia Fides 10/07/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network