AFRICA/SUDAN - Il colera raggiunge anche i campi profughi dell’ Est Darfur

giovedì, 6 luglio 2017

Internet

Karthoum (Agenzia Fides) – Dopo i casi di colera registrati nel White Nile e nello Stato Settentrionale del paese (vedi Fides 14/6/2017), è la volta dei campi profughi dell’area sud sudanese e dell’est Darfur. Contagi e morti nel campo profughi di Kario, 35 km a sud di Ed Daein, oltre che a Khazan Jadeed, area di Shearia. In una settimana, i primi resoconti sulla diffusione dell’epidemia di colera in Nord Darfur sono stati accompagnati dai rapporti di contagi in Sud Darfur (Kalma camp) e est Darfur. Dall’inizio dell’epidemia negli Stati est e sud-est del Sudan, l’organizzazione mondiale della sanità e il Ministero della salute Sudanese non si sono mai riferiti alla pandemia come al colera, ma alla forma meno aggressiva di “diarrea acquosa acuta”.
Nel South Kordofan, in totale, il numero di contagi è salito a 207 oltre a 21 morti nel centro sanitario locale di Farshaya. Ulteriori contagi sono stati riportati nella parte occidentale di El Obeid, capitale del North Kordofan, dove la scuola El Sayed El Makki è stata trasformata in un centro per quarantena. Le persone della zona hanno espresso timori che questo possa portare ad una diffusione di infezioni tra gli studenti all'inizio dell'anno scolastico. Alcuni hanno preso in considerazione l’idea di prolungare il periodo di vacanza così da limitari ulteriori eventuali danni.
(AP) (6/7/2017 Agenzia Fides)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network