ASIA/PALESTINA - Il Patriarca emerito Sabbah: anche la gente di Gaza è vittima dell'irrazionalità dell'Occidente

mercoledì, 14 giugno 2017 medio oriente  

Abed Rahim Khatib

Gaza (Agenzia Fides) – La condizione drammatica in cui versa la popolazione della Striscia di Gaza, penalizzata negli ultimi giorni da un ulteriore taglio delle forniture di energia elettrica, non si spiega solo in base alle dinamiche della politica regionale. La sua radice ultima è rappresentata dalla totale “irrazionalità” delle politiche occidentali che hanno avuto effetti devastanti nell'intera regione, “dall'Iraq alla Siria”. Lo afferma in un'intervista all'Agenzia Fides Michel Sabbah, Patriarca emerito di Gerusalemme dei latini.
Dopo che il il governo israeliano ha deciso di ridurre di tre quarti d'ora al giorno la fornitura di energia elettrica alla Striscia di Gaza, i due milioni di abitanti concentrati in quel territorio palestinese governato dal movimento islamista Hamas potranno fruire della corrente solo per tre ore al giorno. Il ministro israeliano per la sicurezza Gilad Erdan ha ricordato che è stata l'Autorità nazionale palestinese, rivale di Hamas, a decidere di "ridurre significativamente" i pagamenti per l'elettricità fornita da Israele a quel territorio. “Questa vicenda” dichiara a Fides il Patriarca emerito Sabbah “è certo il segno dell'irrazionalità di tutti i responsabili politici della regione. Irrazionalità di Israele e degli stessi palestinesi, delle autorità dell'Egitto e delle altre leadership della regione. Ma prima di questo, c'è la responsabilità iniziale nella politica mondiale messa in atto in questa regione soprattutto da USA e dagli altri Paesi dell'Occidente. Hanno seminato la morte, e vogliono perseguire fino in fondo i loro intenti, che rimangono oscuri, e che ora forse puntano anche alla guerra con l'Iran”.
Dal 2006 la popolazione di Gaza è chiusa all’interno della Striscia di 360 km quadrati. A Gaza, secondo i dati più recenti forniti dall’Onu, l’80 per cento delle famiglie vive sotto la soglia di povertà e il 46 per cento della popolazione è disoccupato. In questa situazione drammatica continuano a nascere quasi cinquemila bambini ogni mese, secondo quella che padre Raed Abusahliah, Direttore di Caritas Jerusalem, ha definito come una sorta di 'resistenza demografica'. “Gli abitanti di Gaza, in questi processi oscuri” rimarca il Patriarca emerito Sabbah “fanno la parte della vittima sacrificale, come accade anche in Siria, in Iraq e altrove. Tutti gli attori della regione, compresi i palestinesi, sono travolti nel vortice dell'irrazionalità. Ma le Chiese e i popoli devono essere consapevoli che tutto quello che accade qui è solo l'effetto delle scelte politiche di fondo messe in atto in questa parte del mondo dai poteri globali”. (GV (Agenzia Fides 14/6/2017).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network