AMERICA/MESSICO - In aumento le violenze contro i sacerdoti

martedì, 13 giugno 2017 violenza   sacerdoti   situazione sociale   politica  

Informador.mx

Tijuana (Agenzia Fides) – Si sta riprendendo lentamente, pur sempre in prognosi riservata, il sacerdote Juan Antonio Zambrano García, dell’Arcidiocesi di Tijuana, che è stato aggredito e ferito venerdì scorso, 9 giugno, nella parrocchia di San Pedro e San Pablo di cui è parroco. Padre Zambiano è stato gravemente ferito prima con un coltello e poi con un cacciavite. L'Arcivescovo di Tijuana, Mons. Francisco Moreno Barron, in una nota inviata a Fides, ha espresso preoccupazione per le varie espressioni di violenza nello stato e, in particolare, perché non è la prima volta che accadono questi crimini.
Il 15 maggio un altro sacerdote diocesano, don José Miguel Machorro, era stato accoltellato sull’altare, alla fine della Messa, nella Cattedrale Metropolitana del Messico (vedi Fides 16/05/2017), con conseguenti ferite gravi che in un primo momento avevano fatto temere la morte.
Padre Omar Sotelo, Paolino, Direttore del Centro Cattolico Multimediale, che ogni anno presenta una relazione sulla violenza e sugli omicidi di sacerdoti e religiosi in Messico, ritiene che questo nuovo attacco a Tijuana sia solo l’ultimo di una lunga catena di atti criminali che da diversi anni si verificano contro la Chiesa cattolica. "La violenza contro il clero è aumentata negli ultimi anni, senza vedere azioni concrete per fermarla. La popolazione è permanentemente esposta alla criminalità, lo sappiamo bene, ma adesso soprattutto il sacerdozio è diventato un ministero pericoloso, nel corso degli ultimi nove anni, il Messico è il paese con il maggior numero di preti uccisi" ha detto p. Sotelo. Negli ultimi 5 anni sono 17 i sacerdoti assassinati nel paese, risultano inoltre 2 dispersi e 2 tentativi di rapimento.
L’Arcivescovo di Guadalajara, Card. Francisco Robles Ortega, nella Messa celebrata domenica scorsa, 11 giugno, nel Santuario de los Martires, ha denunciato l’aumento della violenza e il furto subito anche da un sacerdote: minacciato con una pistola e un coltello da due malviventi, è stato derubato della sua automobile. “Per fortuna il prete è rimasto sereno – ha detto il Cardinale -, ma tra loro si invitavano alla violenza. Questo dice ciò a cui sono esposti tutti i cittadini, in un parcheggio, in pieno giorno… non siamo sicuri della protezione che dovrebbero fornirci le autorità".
(CE) (Agenzia Fides, 13/06/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network