AMERICA/MESSICO - Un Vescovo: sostegno e preghiera per i giornalisti che cercano la verità

sabato, 3 giugno 2017 mass-media   chiese locali   politica   criminalità   diritti umani   libertà di coscienza  

Saltillo (Agenzia Fides) – Il Messico è uno dei paesi dove è più rischioso svolgere il mestiere di giornalistie dove i professionisti dell'informazione che cercano la verità subiscono aggressioni e attacchi mirati. Per questo "hanno bisogno del nostro sostegno e della nostra preghiera": lo ha detto il Vescovo della diocesi di Saltillo, mons. Raúl Vera López, celebrando nei giorni scorsi una Messa in occasione della "Giornata dei giornalisti", e pregando per coloro che sono stati uccisi svolgendo questa professione.
Durante la messa, celebrata nella chiesa del Santo Cristo, il vescovo ha parlato sulle difficili condizioni in cui si pratica il loro lavoro. Dopo la messa si è svolto un breve incontro al quale hanno partecipato i giornalisti e corrispondenti dei vari media locali.
"Noi giornalisti, molte volte, abbiamo orari da schiavitù, passiamo ore impegnati nella ricerca; alcuni colleghi hanno stipendi molto bassi che non consentono loro di vivere con dignità o sostenere una famiglia", ha commentato un giornalista presente.
Negli ultimi dieci anni, Messico è diventato uno dei paesi dove è a rischio svolgere questo mestiere. Secondo dati dalla stampa locale sono 6 giornalisti uccisi in poco più di 2 mesi. La commissione di protezione dei giornalisti ha registrato 42 giornalisti uccisi a partire dal 2006. (CE) (Agenzia Fides, 03/06/2017)




Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network