AMERICA/PUERTO RICO - Attivare il processo di fallimento per salvare il paese: lo chiedono i leader religiosi

mercoledì, 26 aprile 2017 economia   politica   bambini di strada  
Mons. Roberto González

Mons. Roberto González

San Juan (Agenzia Fides) – "Confermiamo il nostro incoraggiamento e il nostro sostegno al governatore di Porto Rico e al Comitato di supervisione, per autorizzare il processo di fallimento del Titolo 3 entro il 28 aprile, prima che scadano le protezioni legali del debito": è quanto si legge in una dichiarazione, inviata a Fides, rilasciata ieri, 25 aprile, dall'Arcivescovo di San Juan de Puerto Rico, Roberto González, firmata anche del reverendo Heriberto Martínez, capo della Società Biblica di Puerto Rico. "Se il consiglio di vigilanza e il governatore non agiscono entro il 28 aprile, temiamo che Puerto Rico possa cadere ostaggio dei predatori e dei fondi ‘avvoltoio’” prosegue il testo.
Solo pochi mesi fa, la legge sulla crisi del debito di Puerto Rico è stata approvata dal Congresso statunitense, in quanto è uno stato federato degli Stati Uniti d'America. Le norme legislative comprendevano le protezioni temporanee dalle cause legali e un processo di fallimento destinato a ristrutturare tutto il debito dell'isola (vedi Fides 23/03/2017).
"Il processo di fallimento progettato dal Congresso è uno strumento molto potente, è davvero l'unico processo che ha la capacità di ristrutturare ogni dollaro del debito" ha spiegato Eric LeCompte, direttore esecutivo del Jubilee USA Network. LeCompte ha lavorato alla legislazione ed è consigliere dei leader religiosi di Puerto Rico. "Il tempo di Puerto Rico è quasi arrivato ed è responsabilità del consiglio di vigilanza autorizzare ora il processo di fallimento" ha concluso.
(CE) (Agenzia Fides, 26/04/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network