AMERICA/VENEZUELA - Un altro morto per mancanza di medicine: è un sacerdote di 35 anni

mercoledì, 19 aprile 2017
padre José Luis Arismendi, 35 anni

padre José Luis Arismendi, 35 anni

Mérida (Agenzia Fides) – Il Sabato santo, 15 aprile, verso le 10 del mattino, secondo le informazioni inviate a Fides da Mérida (Venezuela), è morto padre José Luis Arismendi, 35 anni, per mancanza di medicine. Per due giorni il sacerdote ha atteso i medicinali adatti a trattare una presunta meningite, presso l'Ospedale Universitario de Los Andes (HULA), ma non sono arrivati in tempo. Padre Arismendi si era sentito male già la Domenica delle Palme, 9 aprile, e il mercoledì santo è stato ricoverato all’HULA. I familiari del sacerdote, nato nella città di Tucaní, capitale del comune Caracciolo Parra e Olmedo dello stato di Mérida, hanno cercato inutilmente le medicine nella zona, fondamentalmente si trattava di antibiotici.
Purtroppo anche l'intervento del Card. Baltazar Porras, Arcivescovo di Mérida, che era riuscito ad avere le medicine da Caracas, è stato inutile perché l'invio dalla capitale venezuelana non è arrivato in tempo. Padre José Luis Arismendi era sacerdote da solo due anni e lavorava presso la diocesi di Cabimas, nello stato di Zulia.
L'opinione pubblica in Venezuela, che si esprime sempre di più attraverso le reti sociali, ha commentato che "è morto ancora un altro venezuelano per mancanza di medicine". Il paese continua a vivere una grave situazione per la mancanza di alimenti e di medicinali. Ieri Human Rights Watch, nel suo rapporto sull'impatto dei numerosi venezuelani che si spostano verso la frontiera con il Brasile, ha esortato i paesi latinoamericani ad intervenire presso il governo del presidente Maduro per risolvere questa profonda crisi.
"Prima o poi il Brasile e altri paesi della regione dovranno fare pressione sul governo del Venezuela perché smetta di negare la crisi e prenda misure per risolverla" ha detto il direttore per le Americhe della Human Rights Watch, José Miguel Vivanco, secondo una nota di agenzia.
(CE) (Agenzia Fides, 19/04/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network