AFRICA/MALI - A due mesi dal rapimento nessuna notizia di suor Cecilia nonostante l’incriminazione di 4 persone

venerdì, 7 aprile 2017 rapimenti  


Bamako (Agenzia Fides)-“Dov’è nostra Sorella Gloria? Chi sono i suoi rapitori? E chi sono quelli che la detengono ancora oggi?” Sono le domande che si pongono i responsabili della “cellula di comunicazione” della diocesi di Karangasso, a due mesi dal rapimento di Suor Gloria Cecilia Narváez Argoty, la religiosa colombiana della Congregazione delle Suore Francescane di Maria Immacolata, sequestrata il 7 febbraio a Karangasso nel sud del Mali (vedi Fides 8/2/2017).
Il comunicato fa comprendere che la religiosa è stata trasferita dai suoi rapitori ad un altro gruppo che ora la tiene in custodia.
La diocesi lamenta inoltre di aver appreso il 3 aprile “dalla stampa” che quattro persone sono state formalmente accusate del sequestro. Si tratta del cuoco della parrocchia (“da 30 anni è al servizio delle suore”), di due autisti dell’ambulanza del dispensario cattolico e di un parrocchiano di Karangasso.
“Malgrado questi fatti rimangono le domande su dove si trovi suor Cecilia e su chi la tiene ancora prigioniera” afferma il comunicato.
La diocesi invita tutti a intensificare la preghiera per la liberazione della religiosa. I Vescovi del Mali hanno indetto oggi una novena in tutte le diocesi del Paese “per affidare suor Gloria e i suoi rapitori alla protezione del Signore”. (L.M.) (Agenzia Fides 7/4/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network