ASIA/PAKISTAN - L'Africa premia un prete e un imam pakistani per l'armonia interreligiosa

venerdì, 17 marzo 2017 minoranze religiose   dialogo   islam   politica   sacerdoti   terrorismo  

Lahore (Agenzia Fides) - Un premio per come costruiscono l'armonia interreligiosa nel lavoro quotidiano, un'opera che è di esempio per tutto il continente africano: con queste motivazioni la sezione africana dell'organizzazione internazionale “United Religions Initiative” ha assegnato il "Premio per l'Armonia Interreligiosa" 2017 al prete domenicano James Channan e ad Abdul Khabir Azad, grande Imam della moschea reale a Lahore, una delle più grandi dell'Asia.
Interpellato da Fides, p. James commenta: " E' un riconoscimento del lavoro per promuovere il dialogo interreligioso in Pakistan e in tutto il mondo e di promuovere una cultura di pace, di giustizia, di riconciliazione, di dialogo. Riconoscimenti del genere alimentano il coraggio e il lavoro quotidiano per rompere i muri di odio tra cristiani e musulmani, e costruire ponti di fiducia e rispetto". P. Channan, che è direttore del “Peace Center” a Lahore e coordinatore regionale per l'Asia del Sud dell'organizzazione United Religions Initiative, lavora fianco a fianco ad Abdul Khabir Azad, da oltre 20 anni. I due hanno visitato numerosi paesi del mondo per promuovere il dialogo islamo-cristiano. "Ringrazio Dio per il dono della mia vocazione al sacerdozio e all'Ordine Domenicano perchè mi dà l'opportunità di lavorare per questo importante apostolato in Pakistan e in tutto il mondo. Ringrazio l'Ordine domenicano perchè sostiene ogni mio passo in questo campo", afferma p. Channan
Sulla attuale situazione del Pakistan, funestato dal terrorismo, p. Channan ribadisce l'impegno "a promuovere, con tutti gli uomini e le donne di buona volontà, la pace, la giustizia, l'armonia per rendere il Pakistan un paese migliore dove tutti i cittadini, di ogni religione, possano vivere pacificamente e serenamente”. (PA) (Agenzia Fides 17/3/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network
minoranze religiose


dialogo


islam


politica


sacerdoti


terrorismo