ASIA/SIRIA - Patriarcato greco-melchita: il Patriarca Grégoire III rimane al suo posto

lunedì, 6 marzo 2017 chiese orientali   sinodalità  

wikipedia

Damasco (Agenzia Fides) – Una nota diffusa dall'ufficio comunicazioni del Patriarcato di Antiochia dei greco-melchiti riferisce che il Patriarca Grègoire III Laham continua a ricoprire il suo ruolo, si appresta ad avviare “nuovi progetti” e ha intenzione di “raddoppiare i suoi sforzi a livello locale e internazionale”, per “alleviare le sofferenze della popolazione nella crisi in atto, soprattutto in Siria, Iraq e Palestina”. Il comunicato fa riferimento esplicito ad articoli apparsi sui media locali, contenenti accenni a possibili dimissioni del Patriarca, e richiama gli operatori dei media a pubblicare notizie solo dopo averne accertato l'attendibilità.
Dal 21 al 23 febbraio il Patriarca e i Vescovi greco-melchiti si erano riuniti in Assemblea sinodale presso la sede patriarcale di Raboué, in Libano. Alla fine dell'Assemblea, era stato diffuso un comunicato in cui ufficialmente il Patriarca e i Vescovi avevano riconosciuto i rispettivi errori che avevano portato, nel giugno 2016, all'annullamento della precedente Assemblea sinodale. In quell'occasione (vedi Fides 22/6/2016) il Sinodo della Chiesa cattolica greco-melchita, dopo essersi aperto il 20 giugno ad Ain Traz in un clima di forte tensione, era stato interrotto e rinviato a causa del forfait dato da un certo numero di Vescovi, i quali avevano fatto mancare il numero legale richiesto per procedere con i lavori dell'assemblea sinodale. La vicenda aveva messo in luce le divisioni esistenti in seno all'episcopato greco-melchita, che si concretizzavano nella richiesta di dimissioni del Patriarca Grégoire III, sostenuta da un gruppo di almeno dieci Vescovi. Allora, in un pronunciamento successivo al rinvio del Sinodo, il Patriarca Grègoire aveva rimarcato che il diritto canonico delle Chiese cattoliche orientali non contempla la possibilità di imporre al Patriarca le dimissioni contro la sua volontà. (GV) (Agenzia Fides 6/3/2017).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network