ASIA/CAMBOGIA - Una nuova chiesa intitolata a Santa Teresa di Lisieux e nuovi battesimi a Pasqua

giovedì, 2 marzo 2017 evangelizzazione   chiese locali   catechismo   battesimo   sacramenti   pastorale  

Il Vicario apostolico e i giovani nella nuova cappella

Phnom Penh (Agenzia Fides) – C’è grande vitalità nella comunità cattolica cambogiana: dopo la consacrazione della nuova chiesa di San Pietro a Pot hon (a Nord di Phnom Penh) il 18 febbraio scorso, il Vicariato apostolico di Phnom Penh ha annunciato la benedizione della cappella dedicata a Santa Teresa di Gesù Bambino e del relativo Centro pastorale a Preykbas (nell'area di Takeo, 60 km a sud di Phnom Penh). La cappella è stata consacrata e inaugurata dal Vescovo, il Vicario apostolico Olivier Schmitthaeusler, il 25 febbraio.
Come riferisce a Fides mons. Olivier Schmitthaeusler, la comunità di Preykbas è una nuova comunità cristiana nel Vicariato di Phnom Penh, nata nel nel 2012 con i primi 14 battesimi.
La fede cattolica nell'area di Takeo è rifiorita anni fa a partire dalla presenza di un solo cristiano, Paul Cheang, nella parrocchia della Madonna del Sorriso. Allora, nel 2002, il parroco locale era proprio p. Olivier Schmitthaeusler, oggi Vescovo. In quindici anni, la comunità dei battezzati è cresciuta e si è sviluppata molto: sono nate 8 nuove comunità nella provincia di Takeo, tra le quali quella di Preykbas. E la fioritura continua: la Chiesa nell'area di Takeo avrà la gioia di accogliere 70 nuovi battezzati a Pasqua. Accanto a loro, poi, ve ne saranno altri: nell'intero Vicariato di Phnom Penh sono nel complesso 155 i catecumeni che saranno battezzati a Pasqua, provenienti dai 9 settori pastorali del Vicariato.
Mons. Olivier Schmitthaeusler, felice dopo la celebrazione di consacrazione della nuova cappella, ricorda a Fides che "la comunità locale è nata dopo l'incontro di Paolo Cheang nel villaggio di Preykbas. Dal 2009, ogni domenica, Paul Cheang ha insegnato catechismo ad alcuni giovani". Nel 2010, il Vescovo Olivier ha deciso di acquistare un terreno di tre ettari (un frutteto con alberi di mango) per edificare un centro pastorale diocesano. Grazie ad aiuti dalla Thailandia, sono nati su questo terreno 9 bungalow, un asilo e una piccola cappella dedicata a S. Teresa di Lisieux. La prima cappella è stata costruita dai giovani con fango e paglia. "E' il segno vivo della presenza di Dio nei pressi della montagna di Chisor, che domina la pianura cambogiana ed è chiamata ad essere una luce per tutti coloro che hanno fame e sete di pace e di giustizia", osserva il Vescovo.
La cappella è stata arricchita, inoltre, dalla presenza di una reliquia della beata Madre Teresa di Calcutta (dono del Postulatore della causa di beatificazione a mons. Olivier) "posta all'altare per aiutarci ad essere misericordiosi come il nostro Padre celeste", aggiunge. Il Centro pastorale può ospitare fino a 50 persone ed è utilizzato come casa per ritiri, formazione e tempo di riposo. Una piccola fattoria creata in loco, con animali, il frutteto di mango e una piantagione di riso consentirà alla comunità di autosostentarsi. "Pregando e vivendo la fede tra gli alberi di mango, ogni battezzato può ricordare che è chiamato a portare buoni frutti", conclude il Vicario apostolico. (PA) (Agenzia Fides 2/3/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network