ASIA/SIRIA - Arcivescovo maronita: Quaresima amara per le Chiese siriane, tanti preti sono fuggiti

mercoledì, 1 marzo 2017 chiese orientali   liturgia   rifugiati  

levoyageur.net

Damasco,chiesa di Sant'Anania

Damasco (Agenzia Fides) – Quella che i cristiani di Siria si apprestano a vivere è una “Quaresima amara”, e tra i tanti fattori di sofferenza e mestizia che affliggono le Chiese di Siria c'è l'emorragia di sacerdoti che durante gli anni di guerra civile hanno abbandonato il Paese, privando i fedeli rimasti del loro conforto pastorale. Lo segnala l'Arcivescovo Samir Nassar, a capo dell'arcieparchia di Damasco dei maroniti, nella sua lettera pastorale per la Quaresima.
“Le parrocchie” scrive l'Arcivescovo Samir nella Lettera, pervenuta all'Agenzia Fides “hanno visto il numero di parrocchiani diminuire e le attività pastorali notevolmente ridotte... La Chiesa di Damasco ha visto la partenza di un terzo del clero (27 sacerdoti). Si tratta di un duro colpo, che indebolisce la minoranza cristiana già in declino”. I sacerdoti rimasti – riferisce l'Arcivescovo maronita - prendono in considerazione la possibilità di trattare la loro eventuale partenza. Aspettano solo che le agenzie umanitarie arrivino a farsi carico delle famiglie divise”. Proprio in questa condizione di abbandono e di povertà – conclude l'Arcivescovo Nassar - la Quaresima del 2017 ci offre un tempo nel deserto, per considerare la nostra responsabilità nella Chiesa, in mezzo ai fedeli in difficoltà, e per aprire la strada verso Cristo Risorto. Cristo luce del mondo, che conosce i cuori degli uomini e delle donne, ci dice: "Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò ristoro”. (GV) (Agenzia Fides 1/3/2017).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network