AFRICA/SUD SUDAN - “La grazia presidenziale per i prigionieri politici” chiesta dall’Arcivescovo di Juba

lunedì, 9 gennaio 2017 riconciliazione   diritti umani   vescovi  

Juba (Agenzia Fides) - “Chiedo al Presidente di perdonare tutti i prigionieri politici e i detenuti per reati minori, e quelli che potrebbero essere stati arrestati sulla base di accuse non circostanziate o di sospetti” ha chiesto Sua Ecc. Mons. Paulino Lukudu Loro , Arcivescovo di Juba, capitale del Sud Sudan, rivolgendosi al Presidente Salva Kiir. Questi ha promosso un “dialogo nazionale” per far uscire il Sud Sudan dalla gravissima crisi politica e militare nata all’indomani del tentativo di colpo di stato del dicembre 2013. Mons. Lokudu ha lodato l’iniziativa del Capo dello Stato, sottolineando però che il vero dialogo inizia dal perdono. Nonostante la situazione precaria le festività natalizie e di fine anno si sono svolte pacificamente nella maggior parte del Paese. (L.M.) (Agenzia Fides 9/1/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network