ASIA/INDIA - Donare gli organi è un servizio a Dio e all'umanità

lunedì, 2 gennaio 2017

Bombay (Agenzia Fides) - Il 77enne vescovo Agnelo Gracias, ausiliare di Bombay, ha deciso di donare i suoi organi dopo la morte. Questa tedenza è cresciuta enormemente nella comunità cristiana: sono sempre di più i sacerdoti, religiosi e fedeli disposti a donare i loro organi nell'eventualità di morte cerebrale, condizione obbligatoria per il trapianto di organi. "Ho pensato che mi piacerebbe essere di aiuto all'umanità e ho comunicato alla mia famiglia la mia intenzione di donare gli organi dopo la mia morte ", ha spiegato il vescovo. "Se qualcuno potrà vedere attraverso i miei occhi, o utilizzare il mio rene per vivere più a lungo, credo questo sarebbe un servizio a Dio", ha aggiunto. Come appreso da Fides, il vescovo ha promosso la pratica della donazione di organi scrivendone sulle riviste locali per incoraggiare la comunità, parlandone nel corso di lutirgi e conferenze. Secondo Gracias, è bene che cresca la consapevolezza nella comunità cristiana su come "si può servire Dio e l'umanità anche e dopo la morte".
A ottobre 2014, Papa Francesco ha parlato di donazione di organi come "testimonianza d'amore", e il vescovo Gracias ha usato queste parole per amplificare il messaggio, ricordando che anche l'arcivescovo di Mumbai, Oswald Gracias, è donatore di organi.
Nel 2016, a Bombay vi sono state 58 donazioni di organi che hanno beneficiato 91 pazienti affetti da insufficienza renale, 58 casi di insufficienza epatica cronica e 34 pazienti affetti da probemi cardaici. (PA) (Agenzia Fides 2/1/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network