AMERICA/BRASILE - Rete di Solidarietà per Migranti e Rifugiati: “non chiediamo privilegi ma politiche specifiche”

martedì, 13 dicembre 2016 rifugiati   migranti   politica  
Rete di Solidarietà per Migranti e Rifugiati

Rete di Solidarietà per Migranti e Rifugiati

Brasilia (Agenzia Fides) – Si è svolto presso il Centro Culturale di Brasilia (CCB), il XII Incontro nazionale della Rete di solidarietà per i migranti e i rifugiati (RedeMir). L'evento (dal 5 al 7 dicembre) è stato promosso dall'Istituto migrazione e diritti umani (IMDH), dall'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e dalla Commissione della Pastorale della Mobilità Umana della Conferenza Nazionale dei Vescovi del Brasile (CNBB).
Gestita dall'IMDH, la RedeMir ha dodici anni di attività e ora conta circa 60 realtà in tutto il Brasile. La Rete valorizza lo scambio di pratiche e di informazioni, cercando di promuovere il sostegno reciproco tra le realtà, la comunicazione, la formazione dei membri, e altri aspetti che vanno a beneficio dei migranti, dei rifugiati e dei profughi.
Ogni anno si svolge un incontro nazionale a Brasilia. Secondo gli organizzatori, il dibattito dei gruppi partecipanti e lo scambio di esperienze "diventa sempre più importante ogni anno", in particolare con l'aumento del flusso di migranti verso il Brasile che sono persone in fuga dai conflitti armati, dalla violenza, dalla persecuzione, come è stato il caso della Siria, Pakistan, Afghanistan, Nigeria, Iraq e Venezuela.
Per la direttrice dell'IMDH, suor Rosita Milesi, l'incontro di quest'anno ha voluto approfondire alcune questioni relative alla migrazione ed ai rifugiati, favorendo il rafforzamento dei legami tra i partecipanti. "Dobbiamo lavorare per l'attuazione delle politiche e dei progressi in ciò che riguarda l'assistenza e l'integrazione dei migranti e dei rifugiati nel nostro paese, non invocare privilegi per i rifugiati e gli immigrati, ma sostenere politiche specifiche per questa fascia di popolazione" sottolinea la suora nella nota inviata a Fides.
Secondo dati dal SICREMI (Sistema Continuo di Rapporti sulla migrazione Internazionale nelle Americhe), il Brasile solo nel 2013 ha ricevuto 128 mila immigranti. Sebbene sia uno dei paesi con la più bassa percentuale di emigranti (rapportato al totale della popolazione), ha ricevuto 5 mila richieste d'asilo (sempre nel 2013) da Bangladesh, Senegal e Libano; mentre le 5.196 richieste di rifugiati vengono da Colombia, Angola, Siria, Liberia, Iraq e Palestina. Sempre in quel periodo il Brasile ha regolarizzato 5.651 haitiani per motivi umanitari.
(CE) (Agenzia Fides, 13/12/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network