AMERICA/GUATEMALA - Vescovi centroamericani: “Continuiamo ad impegnarci a costruire società più giuste e pacifiche”

sabato, 26 novembre 2016 chiese locali   migranti   giustizia   giovani  

Sedac

Città del Guatemala (Agenzia Fides) – “I centroamericani che hanno lasciato i nostri paesi come emigranti e i fratelli stranieri che migrano nelle terre dell'America Centrale o vi transitano, occupano un posto speciale nel nostro cuore di Pastori e nel cuore della nostra Chiesa”. E’ questa la prima preoccupazione pastorale dei Vescovi dell’America centrale, riuniti per l’Assemblea annuale del Secretariado Episcopal de América Central (SEDAC), dal 21 al 25 novembre in Guatemala (vedi Fides 23/11/2016), espressa nel messaggio pubblicato al termine dei lavori, pervenuto a Fides.
Ispirati da Papa Francesco, i Vescovi esortano i governi della regione a dar vita “a progetti nazionali e regionali di attenzione umanitaria a favore dei nostri emigranti e dei migranti che giungono nei nostri Paesi, rafforzando i progetti che già esistono”. L’auspicio espresso è che “la nostra regione sia una degna casa abitabile, da dove nessuno sia costretto ad andarsene e una casa così grande da accogliere altri fratelli stranieri che aspettano la nostra solidarietà”.
Tra gli aspetti positivi rilevati nell’incontro, i Vescovi hanno notato con soddisfazione i progressi nel campo della giustizia realizzati in alcuni paesi; la presenza solidale della Chiesa nei casi di denuncia dello sfruttamento del creato; la profonda spiritualità dei popoli centroamericani, che consente loro di non perdere la speranza nelle drammatiche situazioni di dolore e di povertà; la testimonianza di amore fedele di tante coppie; l’impegno missionario di sacerdoti e operatori pastoriali; l’impegno gioioso dei giovani.
“Tuttavia – prosegue il testo -, continuiamo a vedere con grande preoccupazione il progressivo avanzamento del relativismo etico, il doloroso dramma della tratta degli esseri umani, la violenza generata dal traffico di droga, l’inarrestabile disuguaglianza economica che ferisce le nostre società generando nuove forme di povertà spirituale e materiale”. Inoltre preoccupa la battuta d'arresto in alcuni paesi in materia di diritti umani, di governabilità e democrazia. “Di fronte a realtà così complesse e difficili, invitiamo tutti a non perdere la speranza e a testimoniare con la vita la potenza della risurrezione di Gesù… Continuiamo ad impegnarci a costruire società più giuste e pacifiche”.
Tra i motivi di speranza, i Vescovi citano la Giornata Mondiale della Gioventù del 2019, a Panama, invitando i giovani a prepararsi. “E' anche la grande opportunità perchè i giovani centroamericani possano offrire al mondo la loro testimonianza di credenti che fanno parte di una Chiesa prevalentemente giovane, gioiosa e missionaria, arricchita dalla saggezza dei poveri e dal sangue dei suoi martiri”.
Nel messaggio i Vescovi ribadiscono la loro profonda “comunione di fede e di amore con Papa Francesco”, al quale esprimono la loro gratitudine per i suoi gesti evangelici e per il suo sforzo di rinnovamento della Chiesa sotto l'azione dello Spirito. “Per questo motivo abbiamo dedicato molto tempo per riflettere sulla Enciclica Laudato Si' e sull'Esortazione Apostolica Amoris Laetitia, cercando di coglierne la novità evangelica e ricercando insieme i modi concreti di attualizzarli in America Centrale”. (SL) (Agenzia Fides 26/11/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network